3
pubblicato lunedì, 31 marzo 2008 da Susanna Trossero in Zibaldone
 
 

Sapore di mare


AlgheOggi ho letto, in una rivista, che a breve i nostri amati e ricchi banchi dei supermercati ci mostreranno prodotti a dir poco anomali, tuttavia considerati naturali. Un esempio? I sottaceti aromatizzati alla liquirizia o le minestre in polvere con alghe! L’articolo ci rassicura in quanto a genuinità degli ingredienti di questi strani prodotti, semplicemente associati tra loro per elargire nuovi sapori alle nostre papille gustative. Si parla di un futuro imminente, ma credo che quel futuro sia già arrivato, poiché molti di noi ignorano che da tempo certi ingredienti fanno parte della nostra cucina. Prendiamo le alghe. In alcune etichette possiamo leggere termini come carragenina e alginati. Ed eccole qua. E che dire del sale alle alghe? Ricco di iodio e di minerali, con il suo profumo di mare condisce egregiamente piatti a base di pesce. E le gallette di riso biologiche arricchite con le alghe? Sostituibili al pane e acquistabili da tempo! Non si tratta più dunque solo di industria farmaceutica o di sushi e macrobiotica, e qualcuno potrebbe ancora inorridire, ma pare che l’alga marina, grazie al suo elevato contenuto di iodina, aiuti il corretto funzionamento della tiroide e regoli il metabolismo se ingerita regolarmente. Quest’erba, che forse per chiusura o perché abitudinari, preferiremmo lasciare ai nostri variopinti pesciolini dell’acquario, è da tempo utilizzata negli integratori: facilita l’assorbimento dei grassi e la perdita di peso, grazie alle sue proprietà sazianti. Interessante, non è vero? Considerato che, secondo l’arte della cucina “emozionale” del grande chef Pietro Leemann «il cibo è il cordone ombelicale che ci lega alla natura», forse potremmo aprirci anche a ciò che rappresenta ancora l’inconsueto nella dispensa di casa.

A proposito della natura, se potessimo chiedere al Dugongo, (nella foto) grande mammifero acquatico dell’ordine delle Sirenidi (nonché vegetariano), il nome di uno dei suoi cibi preferiti, lui di certo risponderebbe “L’alga”. Pensate che ne mangia circa 30 chilogrammi al giorno! Gli si è spesso attribuito il potere di attrazione delle sirene, confuso per queste addirittura da Cristoforo Colombo, ma per tutti coloro che intendono emularne i gusti culinari in virtù dei cambiamenti a tavola, attenzione a non esagerare: un’antica leggenda thailandese narra di una donna trasformata in Dugongo per la sua smodata passione per alcune piante acquatiche! Da allora, le lacrime di questo grande animale sono considerate una potentissima pozione d’amore.


Susanna Trossero

 
Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.








Potrebbe interessarti anche…