Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


Il pozzo della solitudine

 

 
Scheda del libro
 

Il nostro voto
 
 
 
 
 
/5


Voto degli utenti
29 Voti totali

 


In sintesi

Nella sua intervista, Eliana Matania Ruggiero ci ha detto che non consiglierebbe mai il libro Il posso della solitudine perché “abbiamo bisogno di modelli meno melodrammatici e che sorridano alla vita affrontandola con coraggio e magari anche un po’ di auto-ironia, che non guasta mai”. Per dare “un colpo al cerchio e uno alla botte”, […]

4
pubblicatodomenica, 19 ottobre 2008 da

 
La nostra recensione
 
 

Nella sua intervista, Eliana Matania Ruggiero ci ha detto che non consiglierebbe mai il libro Il posso della solitudine perché “abbiamo bisogno di modelli meno melodrammatici e che sorridano alla vita affrontandola con coraggio e magari anche un po’ di auto-ironia, che non guasta mai”. Per dare “un colpo al cerchio e uno alla botte”, proponiamo una recensione di Susanna Trossero al suddetto libro. Ironia della sorte: i due testi (quello della Ruggiero e quello della Trossero) sono arrivati in redazione insieme e nessuna della due sapeva che l’altra parlasse del libro in questione.

***

Copertina del libro Il pozzo della solitudine di Radcliffe HallRadclyffe Hall, Il pozzo della solitudine (trad. A. Lami), Corbaccio 2008,
pagine 545, euro 22,60

Libro “scomodo” del ‘900, Il pozzo della solitudine di Radclyffe Hall mi ha trascinata dolcemente – con la sua scrittura balsamo – in un clima di tormenti e slanci d’amore, di verità negate e atmosfere puritane di stile ottocentesco, di dolori inevitabili e gioie da evitare…

Questo classico dell’amore lesbico pubblicato nel 1928 in Inghilterra, suscitò un grande scandalo e l’autrice fu accusata di oscenità, denunciata e processata, con la conseguente messa al bando del libro.

La Hall, che da adulta si ribattezzò “John”, se fosse sopravvissuta al tempo, avrebbe sentito parlare così dei suoi personaggi:

“Queste creature avevano tratto vita e forza da colei che le aveva create. Avevano succhiato dalle mammelle della sua ispirazione come bambini, rinvigorendo il proprio sangue, crescendo magnificamente forti e per questo chiedendo, esigendo riconoscimento. Poiché i buoni libri nascono soltanto così; devono in qualche modo partecipare al miracolo del sangue, al singolare e terribile miracolo del sangue che è la fonte della vita”.

Leggendo questo romanzo appassionante, appare subito evidente, infatti, la presenza costante dell’anima di chi scrive, un’anima che si fa portavoce di battaglie contro le ingiustizie, le condanne e il rifiuto sociale.

Protagonista del libro è Stephen, una ragazza dal nome maschile nata da genitori delusi che speravano ardentemente di mettere al mondo un maschio. Pare quasi che la scelta del nome ne influenzerà il destino, poiché Stephen vivrà tristemente la sua condizione di uomo imprigionato nel corpo di una donna, e cercherà l’espiazione nel senso di colpa. Una struttura ottocentesca dunque, una protagonista molto maschile, amori “sconsacrati”, il termine invertita a sostituire lesbica, una madre che definisce la propria figlia una portatrice di deformità spirituale o un peccato contro la creazione; una storia dura, dolorosa, tuttavia ricca di spunti di riflessione, di inni all’Amore, di inviti al rispetto per tutti coloro che pur non potendo creare una nuova vita possono dar vita all’Amore, e sentirsi l’esistenza stessa, poiché “tutto ciò che esiste – scrive John – fa parte della natura”, dunque è il temine contro natura a non aver ragione di esistere.

“Amava profondamente – scrive la Hall – molto più profondamente di molti altri cui era concesso di proclamarsi senza paura. Perché questa è una dura e triste verità: coloro che la natura ha sacrificato ai suoi fini misteriosi, che restano spesso nascosti, sono altrettanto spesso dotati di una grande voglia d’amore, e anche di un’infinita capacità di soffrire, che deve andare mano nella mano con il loro amore”.

E, qualche pagina dopo, ci racconta le terribili e impietose parole della madre di Stephen:

“Quanto a te, preferirei vederti morta ai miei piedi, piuttosto che viva di fronte a me con quesa onta addosso, questa mostruosità indicibile che chiami amore”.

Un libro meraviglioso, dilaniante e in qualche modo educativo, che a dispetto dello scandalo provocato e delle censure subite, è stato tradotto in 14 lingue, e viene ancora oggi considerato uno dei più importanti classici della letteratura lesbica di tutti i tempi.




Susanna Trossero

 
Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.








Potrebbe interessarti anche…

  1.  
    susanna

    Davvero ironia della sorte… Ho letto ciò che ha scritto la simpatica Ruggiero e rispetto il suo parere, ogni testo provoca reazioni a volte del tutto opposte e trovo la cosa estremamente stimolante. Io credo che questo libro vada letto con la dovuta attenzione ai tempi in cui è stato scritto, accettandone le atmosfere puritane e gli eccessi. Forse, la bellezza del romanzo sta proprio nella lucida introspezione, nell’ambientazione, nello scontro tra la protagonista e la società del tempo, ma non a tutti questo può affascinare, è vero. Mi piacerebbe sapere ciò che ne pensano i lettori di Graphomania, è sempre interessante sentire anche pareri contrari come quello della Ruggiero, della quale ho letto con piacere l’intervista.
    A voi lettori dunque la parola…
    Susanna




  2.  

    davvero davvero ironia della sorte ^_^

    in realtà io concordo perfettamente con la recensione di Susanna Trossero ed infatti non metto in dubbio assolutamente che sia un bel libro e che va comunque contestualizzato nell’epoca in cui è stato ambientato e scritto. Però allo stesso tempo credo che oggi come oggi abbiamo anche bisogno assoluto di modelli positivi, di leggere storie o vedere film dove le protagoniste, pur attraverso qualche “normale” dolore (come tutti del resto) affrontano la vita in maniera positiva e perchè no anche allegra. Insomma…un pò meno melodramma non sarebbe male. Ecco perchè, soprattutto ad una giovane, non consiglierei il pozzo della solitudine, almeno non come prima lettura ^_*

    Saluti
    Eliana




  3.  
    francesca

    “Dio!- invocò anelante:- crediamo!ti abbiamo detto che crediamo…tu non ci hai rinnegati,ed allora lèvati a difenderci, riconoscici,o Dio! davanti a tutto il mondo,dà anche a noi il diritto all’ esistenza”. Il pozzo è stato pubblicato nell 1928, quindi diversi secoli fa. Mi guardo intorno, ascolto, e mi chiedo quanto è cambiato da allora? Vedo e sento ancora tanta sofferenza nel cuore delle persone che AMANO lo stesso sesso! Perchè? Amano e soffrono così intensamente che è meraviglioso sapere che in questo mondo ipocrita dove solo l’invidia prevale,possono ancora esistere emozioni così grandi e reali. Per me il libro insegna parecchio, mi ha emozionato tantissimo e rimarrà uno dei miei romanzi preferiti.




  4.  
    Vera Cattonar

    ho letto i commenti di cui sopra; non so se il libro fosse bello o no perchè l’ho letto tanti tanti anni fa; so solo che mi ha lasciato il segno e da quella volta (avevo solo quattordici anni) non ho più considerato gli omosessuali “diversi” e – se posso – li difendo a spada tratta.





Di' la tua!


(richiesto)