0
pubblicato sabato, 20 marzo 2010 da Susanna Trossero in Recensioni
 
 

I dottori delle case


Feng ShuiVento e acqua, acqua e vento… li associo per istinto alla mia terra, la Sardegna, vecchia isola battuta dal maestrale. Tuttavia, in questo caso, “vento e acqua” è il significato di feng shui, l’antico sistema cinese che aiuta a creare ambienti armoniosi che portino felicità, salute, benessere, prosperità.

Non abbraccia solo oggetti, mobilio o suppellettili, va ben oltre uno stile di arredamento poiché si può associare più alla medicina che all’architettura o all’edilizia; non a caso i Maestri di questa filosofia di vita e di pensiero, venivano chiamati Dottori delle case.

Nasce almeno cinquemila anni fa per insegnare a rispettare e a mantenere intatto l’ordine delle cose che la natura stessa ha creato, l’equilibrio tra yin e yang, le due forze naturali dell’universo.

Yin è femminile, fresco, è l’acqua, la luna, è concentrazione. Lo yang è maschile, forte, è il sole, il tuono, è espansione. L’equilibrio tra yin e yang, secondo l’antica sapienza cinese, è dentro di noi e può essere turbato dall’ambiente in cui viviamo: la casa, per esempio.

Ora, chi vi scrive non è una esperta di feng shui ma una lettrice curiosa che ha carpito qua e là concetti e suggerimenti, spesso contraddittori, su libri e riviste. Pertanto non faccio mio un argomento così vasto, tanto più che la vera esperienza e sapienza in questo campo necessita di anni e anni di studi e di ricerche approfondite.

Ciononostante, posso dirvi che un vero intervento di Feng Shui abbraccia la casa in modo completo: esterni (posizione di siepi, alberi, entrate e cancelli, vie d’accesso in genere, giardini e fontane), struttura dell’intero edificio (la sua forma e l’orientamento) e ancora l’illuminazione, la posizione di porte e finestre, i percorsi all’interno della casa, la disposizione delle camere e la loro funzione abitativa, i colori, l’arredamento…

I suggerimenti sono infiniti, alcuni addirittura allarmanti (case lunghe e sottili darebbero depressione o problemi respiratori), altri impossibili da attuare (mai costruire su di un terreno che fu campo di battaglia in epoche lontane), altri curiosi e affascinanti.

Una porta d’ingresso troppo grande può dare problemi finanziari, troppo piccola litigi familiari. Cigolante mina l’equilibrio personale.

Le finestre del soggiorno non dovrebbero mai essere troppo grandi, ma se lo fossero un’ottima soluzione potrebbe essere quella di usare piccoli vetri per dividerle; inoltre, allo scopo di far circolare l’energia che rende vivi, lasciate spazio nel pavimento o sulle superfici dei mobili. E ancora, se amate i pesci rossi (il rosso è associato alla ricchezza), acquistateli sempre in numero dispari.

La cucina dovrebbe essere orientata verso est o sud-est e i fornelli non dovrebbero mai essere collocati direttamente davanti alla porta. Per sfruttare al meglio l’energia positiva, si suggerisce – sempre in cucina – la presenza di uno specchio e piante verdi.

Per quanto riguarda la camera da letto infine, ricordate: il letto posto direttamente di fronte a una porta, prosciugherà le vostre energie facendovi svegliare stanchi, svogliati e affaticati.

Volete saperne di più? Libri, corsi, convegni, ce n’è per tutti i gusti! E benché per noi occidentali sia complicato adeguarsi a tali e tante regole, sappiate che sono in aumento gli architetti che scelgono di farsi affiancare da maestri di feng shui, perché ognuno di noi, a casa, in ufficio o in un qualunque altro ambiente di lavoro e non, possa vivere nell’armonia del corpo e dello spirito.

Perché non provarci?

Foto | ANNAHAPE GALLERY Desain Interior+Desain Arsitektur


Susanna Trossero

 
Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.








Potrebbe interessarti anche…