0
pubblicato venerdì, 3 giugno 2011 da Francesco Fiabane in Racconti e testi
 
 

L’incubo


Come sognavi il futuro da bambino?

Città dai profili cromati e grandi cupole di cristallo colorato; strade bianche e silenziose sospese nel nulla percorse da veicoli con morbide forme sorretti da cuscinetti d’aria; persone serene che vivono la loro esistenza consapevoli di esistere, coscienti nella loro intelligenza superiore in un mondo di pace ed armonia; comunità sottomarine protette da immense cupole trasparenti in mari cristallini e ricchi di vita.

Non riesco a svegliarmi da questo incubo fatto di enormi agglomerati urbani sorti senza controllo e senza senso estetico; automezzi sempre più pacchiani percorrono immense distese d’asfalto immersi nel rumore e nello smog; uomini e donne che vivono al di sotto del loro stato di consapevolezza, schiavi delle droghe sia chimiche che mediatiche, avidi di apparire, di avere, di bruciare la propria vita senza uno scopo a parte quello di consumarsi nel nulla; guerre che flagellano intere nazioni, odio, caos, menzogna; mari contaminati e ricoperti da immense macchie di petrolio, con acque torbide di sostanze chimiche e carcasse di animali in putrefazione.

Mi sveglio nel buio.

Nel freddo di un cyberspazio fatto di lampi appena visibili.

Non mi sono ancora abituato a questa vita.

Ma è vita?

La mia coscienza imprigionata in un hard disk all’interno di un bunker di quella che un tempo era la Finlandia, in attesa che la Terra si sia rigenerata, che i sopravvissuti siano in grado di ripristinare i computer e riattivare i software che contengono la nostra memoria, per poterla quindi scaricare in nuovi corpi clonati appositamente per il nuovo avvento.

Quanto tempo è passato?

Non lo so.

Ho paura e faccio sempre lo stesso incubo: non ci sono sopravvissuti e noi aspettiamo inutilmente, mentre le batterie a fissione si scaricano, lentamente, secolo dopo secolo, la Matrice si resetta e noi ci spegniamo… è questa la morte?

Come sognavi il futuro da bambino?

Foto | darkpatator




Francesco Fiabane