0
pubblicato giovedì, 5 luglio 2012 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Seduzione: l’aiuto che può venire dalla poesia e dalla prosa

Seduzione: l’aiuto che può venire dalla poesia e dalla prosa

Quanti (o quante) di voi vorrebbero conoscere donne e non sanno come fare? E quante (o quanti) vorrebbero sedurre un uomo e non sanno da che parte cominciare? Noi vi consigliamo di rivolgervi ai libri per apprendere l’arte della seduzione e provare a vedere se ci sono idee o suggerimenti che possano essere validi.

La poesia è, senza dubbio, un ottimo mezzo per far sciogliere il cuore dell’amata o dell’amato.

Leggete, per esempio, questo Ricordo di una sera di Emile Verhaeren (1855-1916), poeta belga, che così rammenta l’incontro con Marthe Massin (avvenuto nel 1891), che diventerà sua sposa e che condividerà con lui tutta la vita.

Una poesia in cui la morte non è temuta, ma, secondo un gusto tutto decadente, è la simbolica speranza di un’esistenza vissuta insieme per sempre.

Tu mi dicesti parole così belle, quella sera,
che senza dubbio i fiori, reclini verso noi,
d’un tratto ci hanno amato e che uno di loro,
per sfiorar tutt’e due, ci cadde sui ginocchi.

Mi parlavi di quando, nel prossimo futuro,
avremmo colto la vita come un frutto maturo;
nel franare del ghiaccio dei nostri due destini,
come due buoni vecchi, ci saremmo alfine amati.

La tua voce avvolgente come una cara stretta
e il tuo cuore ardente, d’una quieta bellezza,
mi lasciavano scorgere, senza un velo d’angoscia
il tortuoso sentiero che conduce alla tomba.

Se, invece, siete persone che prediligono la prosa, non avete che l’imbarazzo della scelta. Il fenomeno editoriale di questi giorni è, per esempio, Cinquanta sfumature di grigio, di E. L. James. L’autrice, al capitolo nove, così racconta un momento di seduzione (anche se, a dire il vero, qui la seduzione c’è già stata e siamo passati ai fatti…!)

Mi prende il piede sinistro, mi piega il ginocchio e si porta il piede alla bocca. Osservando ogni mia reazione, mi bacia le dita una alla volta e poi le morde tutte con delicatezza. Quando arriva al quinto dito, morde più forte, e io mugolo, fremente. Mi fa scivolare la lingua sul collo del piede, e non riesco più a guardarlo: è troppo erotico. Sto per prendere fuoco. Chiudendo gli occhi, cerco di assorbire e metabolizzare tutte le sensazioni che lui sta creando. Mi bacia la caviglia, il polpaccio, poi sale fino al ginocchio, fermandosi appena sopra. Poi passa al piede destro, ripetendo tutto quell’incredibile processo di seduzione.

Mi raccomando, però. Est modus in rebus (cioè, “C’è una giusta misura nelle cose”), diceva Flacco, poeta e scrittore latino. Ricordatevelo anche nell’arte della seduzione. Altrimenti potrebbe succedere quello che racconta un’anonima poetessa giapponese del secolo XVIII che nel poema Quanto ti odio! così scrive:

Quest’incontro l’ho combinato
a prezzo di molti stratagemmi.
Arrivo trafelata
e scopro che russi forte
– ah, quanto ti odio! –
D’accordo, mi sgriderai,
ma ti sveglio:
e, invece, ti giri dall’altra parte
– ah, che rabbia mi fai!

Il tempo scorre silenzioso
in queste notti di primavera.

Foto | Pixabay




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.