0
pubblicato giovedì, 11 ottobre 2012 da Graphe.it in Premi letterari
 
 

Il Premio Nobel per la Letteratura 2012 è Mo Yan


Mo Yan si è aggiudicato il Premio Nobel per la letteratura 2012. L’annuncio è stato dato in perfetto orario da Peter Englund, segretario permanente dell’Accademia Svedese. La motivazione del premio è la seguente:

che con un realismo allucinatorio fonde racconti popolari, storia e contemporaneità.

“Colui che non parla”: ecco il significato del nome d’arte dello scrittore cinese, nato il 17 febbraio 1955. Noto per essere l’autore di Sorgo Rosso, romanzo da cui è stato tratto il film omonimo premiato nel 1988 al festival cinematografico di Berlino con l’Orso d’oro. Mo Yan ha scritto anche la sceneggiatura di un altro film di successo: Addio mia concubina.

Tenuto in gran conto in Cina è stato più volte in Italia, dove ha tenuto conferenze sulla letteratura cinese.

Il suo stile colpisce per la durezza delle immagini che, però, non sono mai prive di intima bellezza. Estremamente prolifico, ama scrivere le sue opere su carta tradizionale usando pennello e inchiostro.

In italiano è pubblicato da Einaudi e Nottetempo.

Mo Yan ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura 2012In un’intervista al Corriere della Sera nel 2009, Mo Yan disse di ammirare Italo Calvino (“mi attrae la vena surreale, il gusto della favola”), del suo modo di scrivere (“Sono capace di scrivere anche dodici o quindici ore di seguito, e magari non faccio niente per altri dodici o quindici giorni, ormai ci sono tante distrazioni”) del fatto che scrive poesie (“Scrivere versi è come cantare sotto la doccia. Un fatto intimo. Non so se pubblicherò mai le mie poesie”) e dei premi, anche di quello Nobel, che oggi gli è stato assegnato:

Negli anni Ottanta ce n’erano parecchie [di scuole di scrittura in Cina, ndr], io stesso ne ho frequentate due. Ma allora c’era un sacro fuoco per la letteratura, svanito con gli anni Novanta, tutti soldi e commerci. La letteratura è fatta per pochi. I premi letterari servono giusto per dare attenzione agli autori, eppure nessuno di noi crea pensando ai riconoscimenti. E il Nobel, beh, mi piacerebbe vincerlo, però non cambierei il mio modo di vivere.

Mo Yan è uno pseudonimo. Il suo vero nome è Guan Moye. È il secondo cinese a vincere il Premio Nobel per la letteratura. Prima di lui, infatti, fu Gao Xingjian nel 2000 ad aggiudicarsi il prestigioso riconoscimento con la seguente motiviazione:

per un’opera dal valore universale, intuito pungente e ingenuità linguistica che hanno aperto nuove strade al romanzo e al teatro cinese.


Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)








Potrebbe interessarti anche…