1
Posted martedì, 6 novembre 2012 by Anna Fogarolo in Mondolibri
 
 

I libri fantasy più belli per ragazzi

I libri fantasy più belli per ragazzi
Quali sono i libri fantasy più belli per ragazzi? Il genere fantasy viene spesso associato a un pubblico giovane, in realtà gli adulti sembrano non sdegnare affatto la categoria, tanto da aiutare notevolmente le ascese dei nuovi fantasy. Come per tutti i generi letterari anche il fantasy propone testi notevoli e altri assolutamente da accantonare; tra l’eccellente e il modesto tendiamo a dimenticare che viene definito l’inventore del genere high Fantasy, o fantasy epico, John Ronald Reuel Tolkien autore dei famosissimi Lo Hobbit e  Il Signore degli anelli. A mio avviso Tolkien è l’unico e solo re del fantasy classico. Probabilmente Lo Hobbit, il primo volume legato alle vicende di Frodo, è stato scritto per un pubblico più giovane, mentre Il Signore degli anelli per complessità viene spesso consigliato a un pubblico adulto. Personalmente non credo che il lavoro di Tolkien si possa definire per età, ho letto entrambi a tredici anni, poi a ventidue, poi a trenta,  e ogni volta li ho apprezzati per particolari differenti.

Restando nel genere fantasy epico, notevole per incredibile complessità narrativa, numero di personaggi, e fantasia invidiabile la serie La ruota del tempo di Robert Jordan: è un lavoro sublime per chi ama il genere. La storia vanta ben quattordici (credo) volumi, gli ultimi tre sono stati completati dallo scrittore Brandon Sanderson. In oltre venti anni Jordan ha dato vita a un mondo completamente nuovo, dove magia e complotti trascinano chi legge, mentre il lettore italiano, oramai estenuato, attende con ansia l’ultimissimo capitolo.

Sempre nel genere fantasy per tutti, segnalo Il sangue degli elfi di Andrzej Sapkowski: anche in questo caso siamo di fronte a una saga (ebbene sì, il fantasy ama le saghe). Protagonista uno stringo, Geralt di Rivia, e una bambina della sorpresa, Ciri, il Destino. Davvero ben scritto.

Ora un salto notevole, perché se da un lato il fantasy ha moltissime sotto categorie, è difficile inserire romanzi fantasy nella lista dopo i già citati colossi, ma un posto certo lo devo a Harry Potter di J. K. Rowling, un capolavoro letterario. Spesso rileggendo mi ritrovo a bocca aperta di fronte alla sua incredibile fantasia: sono soprattutto i dettagli come il  magonò, i babbani, la pozione polisucco a entusiasmarmi, fino a farmi ridere come una bambina ogni volta che compare la strillettera.

Se invece amate i vampiri & co, sconsiglio la saga di Twilight, noiosa, e se dovete fare un regalo a un ragazzo non scegliete i romanzi di Laurell K. Hamilton, troppo cruenta, mentre potete tranquillamente consigliare Dracula, l’unico e solo, di Bram Stoker, ma solo se sicuri che il fanciullo non sia troppo suggestionabile.

Oggi in molti cercano il successo attraverso trame fantasy, ma il rischio di ripetere il già letto è davvero notevole, e spesso quando mi capitano volumi nuovi mi ritrovo a pensare che quel paragrafo mi ricorda altro. Ancora più spesso la velocità dell’editore nel voler proporre al mercato in tempi strettissimi quello che il mercato vuole, ovvero a seconda delle mode, porta inevitabili strafalcioni.

So che ora qualcuno potrebbe avermene per non aver inserito autori italiani, il motivo è semplice: non li apprezzo. Ma questa, come sempre, è solo una mia personalissima opinione.

I commenti a disposizione per aggiungere altri titoli, chissà che non mi aiutate a scoprire qualcosa di nuovo.

 




Anna Fogarolo

 
Fotogiornalista per le maggiori testate italiane come Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Gente, Oggi, Focus... Dal 2009 sposta la sua attenzione sulle nuove tecnologie iniziando la carriera di Web content e blogger per alcuni noti portali e Network, successivamente si specializza come Social Media Manager. Attualmente: consulenza di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR per le Edizioni Centro Studi Erikson.