0
pubblicato sabato, 6 aprile 2013 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Premio Strega 2013: ecco la lista dei 26 libri presentati


Sono state rese note le opere presentate al Premio Strega 2013. Si tratta di ventisei libri in corsa: ogni libro deve essere presentato da due “Amici” e dev’essere pubblicato tra il 1 aprile dell’anno precedente e il 31 marzo di quello in corso. Il prossimo 16 aprile si riunirà il Comitato direttivo del Premio – fromato da Tullio De Mauro (presidente) e Giuseppe D’Avino, Giuseppe De Rita, Valeria Della Valle, Fabiano Fabiani, Alberto Foschini, Dino Gasperini, Melania G. Mazzucco, Ugo Riccarelli – per selezionare dodici libri che parteciperanno all’edizione 2013 dello Strega.

Da questi dodici libri, uscirà fuori la cinquina finalista e poi ci sarà la proclamazione della vincitrice o del vincitore il primo giovedì di luglio, nel corso di una cerimonia nel giardino di Villa Giulia a Roma.

Ecco l’elenco, in ordine alfabetico, dei titoli presentati:

  • Lorenzo Amurri, Apnea (Fandango) – presentato da Clara Sereni e Sandro Veronesi
  • Ilaria Beltramme, La società segreta degli eretici (Newton Compton) – presentato da Arnaldo Colasanti e Paolo Petroni
  • Laura Bocci, La seconda India (Manni) – presentato da Walter Pedullà e Lidia Ravera
  • Lorenzo Bracco e Dario Voltolini, Da costa a costa (BookSprint) – presentato da Marcello Fois e Silvio Perrella
  • Eliana Bouchard, La mia unica amica (Bollati Boringhieri) – presentato da Paolo Di Stefano e Massimo Raffaeli
  • Aldo Busi, El especialista de Barcelona (Dalai editore) – presentato da Alessandro Barbero e Stefano Bartezzaghi
  • Gaetano Cappelli, Romanzo irresistibile della mia vita vera (Marsilio) – presentato da Gian Arturo Ferrari e Marina Valensise
  • Luigi Romolo Carrino, Esercizi sulla madre (Perdisa Pop) – presentato da Roberto Barbolini e Francesco Durante
  • Matteo Cellini, Cate, io (Fazi) – presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola
  • Alessandro Cinquegrani, Cacciatori di frodo (Miraggi) – presentato da Enrico Castelnuovo e Pietro Gibellini
  • Paolo Cognetti, Sofia si veste sempre di nero (minimum fax) – presentato da Diego De Silva e Lorenzo Pavolini
  • Totò Cuffaro, Il candore delle cornacchie (Guerini) – presentato da Gianpiero Gamaleri e Marco Staderini
  • Geppino D’Alò, Di muro in muro (Guida) – presentato da Louis Godart e Giampaolo Rugarli
  • Paolo Di Paolo, Mandami tanta vita (Feltrinelli) – presentato da Gad Lerner e Rosetta Loy
  • Alessandra Fiori, Il cielo è dei potenti (e/o) – presentato da Giovanna Botteri e Paolo Sorrentino
  • Giovanna Grignaffini, Però un paese ci vuole (La Lepre) – presentato da Umberto Eco e Raffaele La Capria
  • Luigi Lambertini, Gola di Pietra (Reverdito) – presentato da Silvana Gaudio e Lorenza Trucchi
  • Francesco Leto, Suicide Tuesday (Perrone) – presentato da Giorgio Barberi Squarotti e Alessandro Masi
  • Romano Luperini, L’uso della vita. 1968 (Transeuropa) – presentato da Angelo Guglielmi e Raffaele Simone
  • Matteo Marchesini, Atti mancati (Voland) – presentato da Massimo Onofri e Silvia Ronchey
  • Alessandro Perissinotto, Le colpe dei padri (Piemme) – presentato da Gianluigi Beccaria ed Eva Cantarella
  • Romana Petri, Figli dello stesso padre (Longanesi) – presentato da Alberto Asor Rosa e Salvatore S. Nigro
  • Claudia Pozzo, L’esilio dei figli (Gremese) – presentato da Maurizio Cucchi e Paolo Ruffilli
  • Walter Siti, Resistere non serve a niente (Rizzoli) – presentato da Alessandro Piperno e Domenico Starnone
  • Simona Sparaco, Nessuno sa di noi (Giunti) – presentato da Valeria Parrella e Aurelio Picca
  • Claudio Volpe, Stringimi prima che arrivi la notte (Edizioni Anordest) – presentato da Cesare Milanese e Renato Minore

Il Premio Strega nasce nel 1947 a Roma, in casa di Maria e Goffredo Bellonci, dove, già da prima si riuniva un gruppo di intellettuali che andavano sotto il nome di “Amici della domenica”. Così ne scrive Maria Bellonci:

Cominciarono, nell’inverno e nella primavera 1944, a radunarsi amici, giornalisti, scrittori, artisti, letterati, gente di ogni partito unita nella partecipazione di un tema doloroso nel presente e incerto nel futuro. Poi, dopo il 4 giugno, finito l’incubo, gli amici continuarono a venire: è proprio un tentativo di ritrovarsi uniti per far fronte alla disperazione e alla dispersione. Prendiamo tutti coraggio da questo sentirci insieme. Spero che sarà per ognuno un vivido affettuoso ricordo.

Dai coniugi Bellonci e da Guido Alberi, titolare della ditta produttrice del liquore Strega, nacque l’idea di un riconoscimento letterario democratico, che ai basasse sul giudizio di tutti coloro che partecipavano alle riunioni domenicali.

A seguire un elenco dei premiati con lo Strega in questi anni Duemila:

2000: Ernesto Ferrero, N, Einaudi
2001: Domenico Starnone, Via Gemito, Feltrinelli
2002: Margaret Mazzantini, Non ti muovere, Mondadori
2003: Melania Mazzucco, Vita, Rizzoli
2004: Ugo Ricciarelli, Il dolore perfetto, Mondadori
2005: Maurizio Maggiani, Il viaggiatore notturno, Feltrinelli
2006: Sandro Veronesi, Caos calmo, Bompiani
2007: Niccolò Ammaniti, Come Dio comanda, Mondadori
2008: Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi, Mondadori
2009: Tiziano Scarpa, Stabat Mater, Einaudi
2010: Antonio Pennacchi, Canale Mussolini, Mondadori
2011: Edoardo Nesi, Storia della mia gente, Bompiani
2012: Alessandro Piperno, Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi, Mondadori


Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.








Potrebbe interessarti anche…