0
pubblicato martedì, 23 aprile 2013 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Giornata mondiale del libro 2013

Giornata mondiale del libro 2013
Giornata mondiale del libro 2013

Il 23 aprile, sotto l’egida dell’UNESCO, si celebra la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore.

La data del 23 aprile è stata scelta perché proprio in questo giorno nel 1616 sono morti il peruviano Garcilaso Inca de la Vega (che vide la luce nel 1539), lo spagnolo Miguel de Cervantes (nato nel 1547) e l’inglese William Shakespeare (che nacque nel 1564). Singolarmente nel corso degli anni il 23 aprile ha visto la nascita di altre personalità del mondo della letteratura: il francese Maurice Druon (1918-2009), il russo Vladimir Nabokov (1899-1977), il colombiano Manuel Mejía Vallejo (1923-1998) e l’islandese Halldór Laxness (1902-1998), innovatore della letteratura islandese e Premio Nobel per la letteratura nel 1955. Sempre il 23 aprile, ma del 1981 è morto il catalano Josep Pla, scrittore e giornalista spagnolo.

Irina Bokova, direttrice generale dell’UNESCO, sottolinea come questa giornata offra l’occasione per riflettere sui modi più idonei per diffondere la cultura scritta e permettere che tutte le persone – uomini, donne e bambini – vi abbiano libero accesso, grazie alla lettura e al sostegno alle case editrici, alle librerie, alle biblioteche e alle scuole. I libri sono nostri alleati nella diffusione dell’educazione, della scienza, della cultura e dell’informazione tout court.

Capitale Mondiale del Libro 2013 è la città di Bangkok, che è la capitale della Thailandia, in riconoscimento del programma promosso per diffondere la lettura tra i giovani e negli ambienti meno fortunati della popolazione tutta. Il conferimento a Bangkok del titolo di Capitale Mondiale del Libro 2013 è stato così motivato:

per la sua volontà di riunire tutti gli attori della filiera di realizzazione del libro nei vari progetti proposti, in un programma che coinvolge tutta la comunità e per il suo impegno nelle diverse attività che tale programma comporta.

Bangkok è la tredicesima città a ottenere il riconoscimento di Capitale Mondiale del libro. Prima di essa le altre città sono state nell’ordine: Madrid (2001), Alessandria (2002), New Delhi (2003), Anversa (2003), Montréal (2005), Torino (2006), Bogotá (2007), Amsterdam (2008), Beirut (2009), Ljubljana (2010), Buenos Aires (2011) ed Erevan (2012).

La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore è anche occasione per soffermarsi sulle trasformazioni che riguardano il mondo del libro in quanto oggetto e alla luce dei valori immateriali che in ogni caso dovrebbero guidarci. Gli eBook offrono nuove opportunità di accesso alla conoscenza, a costi ridotto e nei contesti più diversi. D’altro canto, il libro tradizionale continua a essere una tecnologia poderosa, che non viene danneggiata dai libri digitali. In qualunque forma il libro è uno strumento prezioso che contribuisce all’educazione e alla diffusione della cultura e dei saperi.

La varietà dei libri è una fonte di arricchimento che deve essere protetta con politiche mirate in grado di contrastare l’uniformità culturale. La bibliodiversità, infatti, è la nostra comune ricchezza ed è quello che fa del libro molto più che un mero oggetto materiale. Il libro è la più poderosa invenzione dell’umanità per la libera circolazione delle idee oltre le frontiere e i limiti spazio-temporali.




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.