0
pubblicato domenica, 9 giugno 2013 da Graphe.it in Poesia e dintorni
 
 

Una poesia di giugno di Carles Riba

Una poesia di giugno di Carles Riba

È timido questo mese di giugno, quasi non avesse il coraggio di presentarsi per quel che è: così tra pioggia e sole i giorni si alternano.

E proprio in un timido giugno è ambientata anche la poesia che vi proponiamo oggi. Autore del testo è Carles Riba (1893-1959), uno dei più importanti poeti di lingua catalana del Novecento, autore, tra l’altro, di una splendida traduzione dell’Odissea in catalano.

Carles Riba ci mette dinanzi agli occhi una scena d’altri tempi, spesso narrata anche nei film: l’innamorato guarda di nascosto la sua amata che si toglie i vestiti e si immerge nell’acqua per farsi un bagno. Un sorriso le compare sulle labbra quando un cuculo canta all’improvviso. E questa situazione fa sì che nell’innamorato che guarda torni a scorrere il sangue giovane del mondo.

Nudità di giugno

Pura nella solitudine e nell’ora lenta, una donna
fa scivolare, con moto di albero o di grido amoroso,
dolce, lungo le braccia innalzate, la tunica. Mentre
già brilla il busto segreto, in alto, prigioniera del lino
rimane la testa. Un attimo o due. Ah! Basta per rompere
foscamente il legame fra la bella e questo
timido giugno che da lei attendeva, nuda nell’onda,
gioia e impulso fluviale per farsi perfetto? È bastato,
dato che tu, imponderabile cosa di oro e di sguardo,
testa, fiore diritto, ne sorgi indecisa – come temendo
il nulla del silenzio ora, complice fausto di prima?
Un cuculo canta d’improvviso, innocente.
Lei sorride. Torna a scorrere il sangue giovane del mondo,
salta, brusco, come la magnifica, e corre avanti nel tempo
verso soli più maturi – e lui nuota, oh ritmo!
verso l’estate eccessiva – lei e i miei occhi e gli dèi.

Questa poesia di giugno è tratta delle Elegie di Bierville, pubblicate in Italia da Einaudi con la traduzione di G. E. Sansone nel 1977. Il testo originale è del 1942, quando Carles RIba era in esilio a Montpellier (Francia) a seguito della Guerra civile spagnola.

Foto | © olly – Fotolia.com




Graphe.it

 

“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)