0
pubblicato domenica, 20 ottobre 2013 da Graphe.it in Poesia e dintorni
 
 

Una poesia autunnale di Cristina Campo

Una poesia autunnale di Cristina Campo

Senza dubbio le foglie che cadono sono uno dei simboli dell’autunno e della vita che passa. Nel cadere le foglie disegnano quasi un percorso segreto e poi, a terra, creano immagini spesso mozzafiato, con l’alternanza di colori e i cumuli ai piedi degli alberi.

Nella poesia Canzoncina interrotta, Cristina Campo (1923-1977, scrittrice, poetessa e traduttrice) immagina che queste foglie, cadute in maniera furtiva mentre nessuno le vedeva, siano una sorta di presagio di quanto avviene nella natura e nelle nostre vite.

Canzoncina interrotta

Laggiù di primo ottobre
la marea delle foglie
all’angelica notte
già tratteneva il piede.

Non vedute cadevano
(là tutto era furtivo),
lento frusciava rune
al plenilunio un fico.

Sfilava dal tuo sogno
un micio le sue cabale,
veranda incomparabile,
dolce Capodimondo.

Solo la veemente
mia ora lacerava
sul cancello le rose …
E riversa una statua

forse mordeva – al turbine
di quel volo – l’autunno,
origliere di muschio…

Cristina Campo, pseudonimo di Vittoria Guerrini, “compì studi privati, minata da una malattia al cuore che condizionò la sua intera esistenza. Cresciuta nel culto della bellezza e animata da un’incoercibile tensione alla perfezione, etica non meno che estetica, fu influenzata a lungo dal pensiero di Simone Weil, e negli ultimi anni si dedicò allo studio dei mistici e della grande tradizione liturgica del cristianesimo, cattolico romano e orientale” (Enciclopedia Treccani).

Di lei ebbe a dire Alessandro Spina: “Cristina Campo era capace di vedere il particolare con precisione scientifica… e di intuire il totale con la forza divinatrice dei sogni…”

Per approfondire la conoscenza di Cristiana Campo si rimanda al sito a lei dedicato ricchissimo di informazioni e materiale.




Graphe.it

 

“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)