0
pubblicato martedì, 31 dicembre 2013 da Graphe.it in Poesia e dintorni
 
 

Buona fine e miglior principio con Gianni Rodari e Jorge Luis Borges

Buona fine e miglior principio

Buona fine e miglior principio

Siamo così giunti all’ultimo giorno di questo 2013 e il 2014 bussa per entrare, carico di speranze come ci auguriamo: buona fine e miglior principio, dunque, come si è soliti dire.

In questi giorni – ogni anno in questo periodo, mica solo quest’anno! – si fanno propositi per il futuro, ci si affida a riti scaramantici, portafortuna; c’è chi si fa leggere la mano, chi crede nelle profezie, chi spera nella cabala. La verità è che il nuovo anno, ogni nuovo anno, è nelle mani di ognuno di noi: solo noi, infatti, possiamo far sì che l’anno che arriva sia migliore di quello che se ne sta per andare. Lo sottolinea anche Gianni Rodari (1920-1980) nella poesia-filastrocca L’anno nuovo, in cui esprime grandi verità:

Indovinami, indovino,
tu che leggi nel destino:
l’anno nuovo come sarà?
Bello, brutto o metà e metà?
Trovo stampato nei miei libroni
che avrà di certo quattro stagioni,
dodici mesi, ciascuno al suo posto,
un carnevale e un Ferragosto,
e il giorno dopo il lunedì
sarà sempre un martedì.
Di più per ora scritto non trovo
nel destino dell’anno nuovo:
per il resto anche quest’anno
sarà come gli uomini lo faranno.

Quello che possiamo fare, però, è augurare tante felicità a tutte e a tutti: una felicità che dobbiamo costruire giorno dopo giorno con le nostre mani e le nostre forze. Solo impegnandoci in prima persona, infatti, potremo raggiungere le mete che ci siamo prefissati: andare a ricasco non è mai una buona idea! E concretamente parlando la felicità la si può costruire anche con i libri: non lo diciamo noi, ma Jorge Luis Borges (1899-1986) che afferma:

La lettura deve essere una forma di felicità: quindi io consiglierei ai lettori di leggere molto, di non lasciarsi intimorire dalla reputazione degli autori, di continuare a cercare una felicità personale, un piacere personale. Questo è l’unico modo di leggere.

Auguri di felicità, quindi, per l’anno nuovo in arrivo.

Foto | Pixabay


Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)








Potrebbe interessarti anche…