0
pubblicato mercoledì, 6 agosto 2014 da Patrizia Violi in Recensioni
 
 

York, la città con la strada più visitata d’Europa

Una casa di York

Il fiume Ouse a York

Guy Fawkes Inn a York

La cattedrale di York

La cattedrale di York

I Monuments Gardens di York

Le mura della città di York

Un angolo di York

 

Dalla strada più visitata d’Europa alle fabbriche di cioccolato: Yorknella contea del North Yorkshire, Inghilterra, è meta di più di sette milioni di visitatori ogni anno. Con duemila anni di storia sulle spalle rimane una delle tappe turistiche preferite di molti turisti, soprattutto per la sua identità storica.

Fondata nel 71 d.C. dai Romani con il nome di Eboracum (poi cambiato in Jorvik dai Vichinghi) la città conserva ancora le antiche mura, che sono un ottimo modo per passeggiare esplorando la città. York ospita anche la seconda cattedrale gotica più grande d’Europa, la Cattedrale di St. Peter, chiamata informalmente the Minster. E per essere al riparo dell’abuso edilizio e conservare l’armonia architettonica, in questa città è proibito costruire un edificio che superi in altezza la grande chiesa.

Quasi a fianco della cattedrale si trova un altro famoso punto di interesse per i turisti: la casa di Guy Fawkes. Infatti il cospiratore anarchico protagonista della “Congiura delle Polveri” (assieme ad altri complici nel 1605 tentò di dare fuoco al Parlamento a Londra) è nato e cresciuto a York. E qui a differenza di tutte le altre città inglesi, nella serata del 5 novembre non si festeggia e sbeffeggia con il tradizionale falò il fiasco dell’attentato. Per pudore verso il concittadino a York si finge che sia una notte qualsiasi. La sua casa adesso è stata adibita a hotel, ma rimane visitabile. E la sua effige ultimamente è diventata famosissima in tutto il mondo, perché è l’immagine della maschera di Anonymous, usata nelle varie manifestazioni di protesta.

Nella stessa area si snoda la stretta stradina che percorre il centro della città, chiamata Shambles. Questa strada si distingue per i piccoli edifici medievali in legno, alti e stretti che non passano inosservati ai fan di Harry Potter: è, infatti, la strada scelta per ritrarre il quartiere di Diagon Alley nei film, rendendola così la “strada più visitata d’Europa”. Una volta occupata da negozi di macellai, che appendevano le proprie merci ai ganci ancora presenti sulle porte, ora the shambles è piena da negozietti tipici e di souvenir, da bar ma soprattutto da negozi di dolci.

York, del resto, è conosciuta anche come la capitale del cioccolato. Durante il diciottesimo e il diciannovesimo secolo l’economia della città è stata aiutata da alcune famiglie di Quaccheri che si sono dedicate ai prodotti dolciari: così sono nati Kit Kat e Smarties dai Rowntree, che insieme a Thorntons, Terry’s e Cravens sono alcuni dei nomi più importanti del settore. Oggi si possono visitare York’s Chocolate Story e Cocoa House dove si tengono laboratori sulla storia della città del cioccolato e lezioni pratiche per creare la propria tavoletta.

In città c’è anche una sala da te molto famosa in tutto il Regno Unito: si chiama Betty’s si trova in centro, ha un delizioso ed elegante arredamento decò e serve i dolci più golosi e raffinati di tutto lo Yorkshire. Proprio per questo per entrare bisogna avere molta pazienza e fare una lunga fila con un aplomb molto british.

York è anche perfetta per chi ama andare in bici: è completamente attraversata da piste ciclabili, la più suggestiva della quali corre lungo il fiume Ouse, lungofiume che è anche il luogo ideale per le passeggiate e di sera è costellato da locali e ristoranti da cui si può ammirare il tramonto sull’acqua.
Un altro luogo d’incontro molto popolare, ma non sovraffollato, sono i Museum Gardens, che circondano lo Yorkshire Museum e si estendono fino al fiume. Sono meta di studenti e famiglie che vogliono rilassarsi o fare un pic-nic, attività molto amata dai locali.

Altro passatempo, sempre molto inglese, sono le Hen Nights, le feste di addio al nubilato, le cui invitate pronte al divertimento più selvaggio e alcolico, calano allegrissime, da tutti i dintorni, su York il sabato sera. Truccatissime, vestite in modo oltraggioso, barcollando su tacchi improbabili invadono le strade cittadine già nel primo pomeriggio. Chiassose e pronte a fare follie, sono lontanissime dallo stile delle loro antenate, le lady compassate, eroine di Downton Abbey, la serie televisiva cult inglese, che si svolge proprio nello Yorkshire.




Patrizia Violi

 

Patrizia Violi è laureata in giurisprudenza, vive a Milano dove fa la giornalista, occupandosi di attualità, psicologia e costume. È sposata e ha due figlie: dalla sua esperienza famigliare è nato il blog extramamma.net. Ha scritto il romanzo “Una mamma da URL” (Baldini & Castoldi). Per Emma Books ha pubblicato “Love.com” e “Affari d’amore”.