0
pubblicato lunedì, 23 febbraio 2015 da Patrizia Violi in Premi letterari
 
 

L’arte secondo Dario Fo

L'arte secondo Dario Fo

Dario Fo torna in televisione: lo farà su Rai5 in uno speciale in onda ogni lunedì, a partire da stasera, 23 febbraio, alle 21,15 per dieci settimane, intitolato L’arte secondo Dario Fo. Un appuntamento imperdibile che è stato presentato con una conferenza stampa nelle magnifiche sale della Pinacoteca di Brera a Milano.

Il pubblico accorso ad ascoltare Fo, premio Nobel per la letteratura nel 1997, era carico di aspettative ed entusiasmo, per quest’artista che a ottantanove anni è graffiante e coinvolgente come sempre. C’erano gli addetti ai lavori e i fan, fra questi moltissimi giovani, gli allievi della scuola di recitazione Paolo Grassi e quelli dell’Accademia di Brera. Dario Fo, infatti nella sua casa milanese tiene una vera e propria bottega d’artista, come quelle rinascimentali, dove gli studenti possono imparare, creare e lavorare.

Durante la presentazione ha tenuto banco, incantando tutti, con il suo talento di attore, narratore e pittore.

Proprio dalla sua passione per l’arte e per la storia è nato l’ambizioso progetto televisivo che lo vede protagonista. Dieci appuntamenti che sono stati registrati negli ultimi anni durante alcuni spettacoli e lezioni tenute da Dario Fo in vari teatri e nei luoghi più emblematici del patrimonio artistico del nostro Paese: dal Palazzo Te a Mantova, alla Cappella degli Scrovegni a Padova, fino a Santa Croce di Firenze.

Il popolo greco a cavallo fra il Trecento e il Quattrocento subì l’invasione da parte dell’impero Ottomano. Quegli invasori si preoccuparono immediatamente di cancellare la cultura dei greci, tant’è che in gran numero i sapienti che gestivano le università e le biblioteche di quei territori furono costretti alla diaspora, raggiungendo le coste italiane del mediterraneo… è crudele doverlo ammettere ma il disastro dei greci oppressi fu causa del nostro autentico Rinascimento delle idee e del pensiero…

L'arte secondo Dario Fo - conferenza stampa di presentazioneÈ l’incipit di quest’avventura televisiva che ha lo scopo di raccontare e approfondire la vita e le opere dei maggiori pittori del nostro luminoso patrimonio artistico. Si parlerà di Caravaggio, Correggio, Raffaello, Michelangelo, Leonardo, Mantegna e Giotto. Unica eccezione a questo parterre di artisti italiani è Picasso, che però verrà raccontato da un’angolazione nuova, analizzando il suo rapporto con la Commedia dell’Arte.

Dario Fo è un affabulatore e da questo suo talento è nato lo speciale su Rai5 ma anche il successo dei suoi spettacoli e dei suoi libri. Anche nella conferenza stampa, per illustrare quello che vedremo in televisione ha parlato di Giotto e di Michelangelo in modo dissacrante e attuale. Rendendo i due artisti, lontani secoli dalla nostra realtà, incredibilmente vicini e umani. Proprio questa capacità di narrare cercando di entrare nella vita vera dei personaggi del passato, rifiutando e spesso sbeffeggiando le versioni biografiche ufficiali è, come ha rivelato egli stesso, il segreto del suo successo. La più recente conferma di ciò è l’ottima accoglienza che ha avuto La figlia del papa, stampato in otto edizioni ed esportato anche in Cina. E probabilmente questa accoglienza sarà riservata anche al suo ultimo libro C’è un re pazzo in Danimarca (Chiarelettere), ambientato nella Scandinavia del ‘700 che narra di Cristiano VII, un monarca scandalosamente illuminato ed è arricchito da illustrazioni disegnate dallo stesso autore.

E per non smentire il suo spirito irriverente e indomito Dario Fo ha chiuso la conferenza stampa con una frecciata contro l’imminente Expo (incubo di tutti i milanesi non direttamente coinvolti nella manifestazione). A chi gli ha chiesto: “Cosa ne pensa del cibo come tema dell’Expo?”, ha risposto secco: “Penso che non si sarebbero dovute coinvolgere le multinazionali!”

Nella sala è sceso il silenzio, non gli sono state poste altre domande e tutti i giovani, gli studenti, l’hanno guardato con un’ammirazione ancora maggiore.

L'arte secondo Dario Fo - conferenza stampa di presentazione

Le foto della conferenza stampa sono di Patrizia Violi




Patrizia Violi

 

Patrizia Violi è laureata in giurisprudenza, vive a Milano dove fa la giornalista, occupandosi di attualità, psicologia e costume. È sposata e ha due figlie: dalla sua esperienza famigliare è nato il blog extramamma.net. Ha scritto il romanzo “Una mamma da URL” (Baldini & Castoldi). Per Emma Books ha pubblicato “Love.com” e “Affari d’amore”.