4
pubblicato sabato, 21 marzo 2015 da Roberto Russo in Poesia e dintorni
 
 

Giornata mondiale della poesia: le frasi sulla poesia di autori e autrici italiani

Giornata mondiale della poesia: le frasi sulla poesia di autori e autrici italiani

Giornata mondiale della poesia: le frasi sulla poesia di autori e autrici italiani

La Giornata mondiale della poesia è stata istituita dall’Unesco nel 1999 e da allora piano piano ha conquistato il mondo intero: è innegabile il fascino che la poesia esercita sugli animi.

Nel corso degli anni vi abbiamo proposto varie riflessioni sulla poesia: ci siamo soffermati sul significato della poesia secondo Wisława Szymborska (1923-2012), Nobel per la letteratura nel 1996, con un florilegio di pensieri sulla poesia di Mario Quintana (1906-1994) e anche di poeti meno noti.

Oggi suggeriamo alcune frasi sulla poesia di autori e autrici italiane: spaziamo nel tempo e nei generi per offrire uno sguardo nuovo e interessante sulla poesia. Qual è la vostra frase preferita sulla poesia?

Frasi sulla poesia di autori e autrici italiani

    • Far poesie è come far l’amore: non si saprà mai se la propria gioia è condivisa. (Cesare Pavese)
    • Gli editori credono ciecamente, con apriorismo razzistico, che la poesia sia tabù per la libreria. E lo credono anche i librai. (Alberto Bevilacqua)
    • La poesia aiuta il cuore a non invecchiare. (Romano Battaglia)
    • La poesia bisogna sentirla, non capirla. (Giovannino Guareschi)
    • La poesia è delle anime vergini, degli angeli, di chi crede. Naturalmente noi non viviamo più all’età d’Omero, e quindi ci è difficile trovare qualcosa in cui credere. Ma ad ogni modo, per essere poeti bisogna tornare a una necessaria condizione d’ingenuità. (Giorgio Bassani)
    • La poesia è inconscia di sé: l’uomo non la domina, né è dominato. Scorga dall’anima o soave ruscello o furioso torrente nel vedersi ritrarre matematicamente soffra e si lagni. (Camillo Boito)
    • La poesia è l’arte di far entrare il mare in un bicchiere. (Italo Calvino)
    • La poesia è mettere in parole quello che, a rigore, non può essere messo in parole, quello che non ha nemmeno «forma di parole». (Alberto Asor Rosa)
    • La poesia è sempre più di attualità perché rappresenta il massimo della speranza, dell’anelito dell’uomo verso il mondo superiore. (Andrea Zanzotto)
    • La poesia è uno scoprire e stabilire convenienze e richiami e concordanze tra il Cielo e la terra e in noi e tra noi. (Clemente Rebora)
    • [La poesia] Non è un’arte di arrangiare fiori, ma urgenza di afferrarsi a un bordo nella tempesta. […] Per me è pronto soccorso, la poesia, non una sviolinata al chiaro di luna. È botta di salvezza. (Erri De Luca)
    • La poesia serve a creare una stanza nella mente. La poesia non può mentire. (Elio Pecora)
    • La ‪‎poesia‬ sta a metà strada tra la preghiera e il cruciverba, denuncia il silenzio che si fa parola. (Valerio Magrelli)‬‬
    • Muoiono i poeti / ma non muore la poesia / perché la poesia è infinita / come la vita. (Aldo Palazzeschi)
    • Non cercate di prendere i poeti perché vi scapperanno tra le dita. (Alda Merini)
    • Poesia potrebbe anche definirsi: la fiducia di parlare a sé stessi. (Vincenzo Cardarelli)
    • Poesia, altro vizio solitario. (Camillo Sbarbaro)
    • Simile a un colombo viaggiatore, il poeta porta sotto l’ala un messaggio che ignora. (Gesualdo Bufalino)
    • Sono un poeta / un grido unanime / sono un grumo di sogni (Giuseppe Ungaretti)
    • Tu sei come una pietra preziosa che viene violentemente frantumata in mille schegge per poter essere ricostruita di un materiale più duraturo di quello della vita, il materiale della poesia. (Pier Paolo Pasolini)
    • Tutti i poeti scrivono cattiva poesia. I cattivi poeti la pubblicano, i buoni poeti la buttano nel cestino. (Umberto Eco)
    • Tutto il mondo soffre di avere perduto la religione. E quasi tutta la poesia di oggi non è, in un modo o nell’altro, che il rimpianto di una religione perduta. (Mario Soldati)
    • Tutto si è perfezionato da Omero in poi, ma non la poesia (Giacomo Leopardi)
    • Universo che mi spazia e m’isola, poesia. (Alfonso Gatto)
    • Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch’io chiamo poesia. (Edoardo Sanguineti)
    • Usciti dal Paradiso Terrestre si misero a parlare in prosa. (Maria Luisa Spaziani)

Foto | Pixabay








Potrebbe interessarti anche…

Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.