2
pubblicato martedì, 22 settembre 2015 da Roberto Russo in Zibaldone
 
 

Autunno frasi e poesie per la stagione delle foglie che cadono

Autunno frasi e poesie per la stagione delle foglie che cadono

Autunno frasi e poesie – Arriva l’autunno – l’equinozio d’autunno cade tra il 22 e il 23 del mese, non il 21 come si sarebbe portati a pensare per abitudine – e con questa stagione di mezzo salutiamo definitivamente l’estate e ci prepariamo all’inverno. L’autunno è una stagione dai colori speciali, molto caldi, ma, allo stesso tempo, è una stagione molto piovosa motivo per cui per molti è sinonimo di tristezza.

Eppure l’autunno è una stagione che affascina molto gli scrittori, in quanto stagione di riflessione dopo i fasti estivi. Iniziamo l’autunno, allora, con una serie di frasi di autori e autrici famosi che provano a interpretare il senso di questa stagione

Autunno frasi celebri

  • Come un sentiero d’autunno: appena è tutto spazzato, si copre nuovamente di foglie secche. (Franz Kafka)
  • D’autunno l’infermità si addensa, come le nuvole in cielo, e molti mali che l’estate aveva assopito si risvegliano. (Theodore Francis Powys)
  • Dall’altra parte della terra il sole che qui si cela dietro l’orizzonte, là emerge dalla notte. Così l’autunno ha un suo corrispondente in una lontana primavera. (Adriana Zarri)
  • Di tutte le stagioni, l’autunno è quella che offre di più all’uomo e chiede di meno. (Hal Borland)
  • I lunghi singhiozzi dei violini d’autunno feriscono il mio cuore d’un monotono languore. (Paul Verlaine)
  • Il fogliame ha perso la sua freschezza attraverso il mese di agosto, e qua e là una foglia gialla si mostra come i primi capelli bianchi tra le fessure di una bellezza che ha visto una stagione di troppo. (Oliver Wendell Holmes)
  • Il sole ci aveva sfiancati, resi febbrosi; ora la nebbia ci placa, ci fa rientrare in noi. Le finestre aperte sono come finestre chiuse, non offrono visioni ma solo tende di grigio. È tempo di chiuderle e riscoprire la casa… Autunno di silenzio ritrovato, di concentrazione densa, di solitudine calda, di meditazione, di preghiera, di te. (Adriana Zarri)
  • In autunno tutto ci ricorda il crepuscolo,– e tuttavia, mi sembra la stagione più bella: volesse il cielo allora, quando io vivrò il mio crepuscolo, che ci debba essere qualcuno che allora mi ami come io ho amato l’autunno. (Søren Kierkegaard)
  • In autunno, il rumore di una foglia che cade è assordante perché con lei precipita un anno. (Tonino Guerra)
  • In autunno, la vigna vergine arrossisce di fronte agli alberi che si denudano. (Sylvain Tesson)
  • L’autunno è cattivo per i sofferenti di consunzione. (Ippocrate)
  • L’autunno arriva la mattina presto, la primavera alla fine di una giornata d’inverno. (Elizabeth Bowen)
  • L’autunno è la primavera dell’inverno. (Henri de Toulouse-Lautrec)
  • L’autunno è la stagione più dolce, e quello che perdiamo in fiori lo guadagniamo in frutti. (Samuel Butler)
  • L’autunno è miglioramento eterno. È maturazione ed è colore, è la stagione della maturità, ma è anche larghezza, profondità, distanza. (Hal Borland)
  • L’autunno è sempre stata la mia stagione preferita. Il tempo in cui tutto esplode con la sua ultima bellezza, come se la natura si fosse risparmiata tutto l’anno per il gran finale. Non ho mai pensato di avere paura dell’autunno. (Lauren DeStefano)
  • L’autunno è un andante grazioso e malinconico che prepara mirabilmente il solenne adagio dell’inverno. (George Sand)
  • L’autunno è una dimora d’oro e di pioggia. (Jacques Chessex)
  • L’autunno è una seconda primavera, quando ogni foglia è un fiore. (Albert Camus)
  • L’autunno mi fa sempre male, per come si spezza nei colori. Voglio andare a sud, dove non c’è l’autunno, dove il freddo non si acquatta simile a un leopardo di neve in attesa di avventarsi su di noi. (David Herbert Lawrence)
  • L’autunno sta marciando verso di noi: persino gli spaventapasseri indossano foglie morte. (Otsuyu Nakagawa)
  • La musica dell’estate lontana vola intorno all’autunno cercando il suo nido perduto. (Rabindranath Tagore)
  • Le giornate estive si accorciano… E come sempre, in questo periodo dell’anno mi sento addosso lo sguardo del tempo. (Róbert Hász)
  • Meglio un istante ad aprile che tutto un lungo mese in autunno. (Adam Mickiewicz)
  • Nessuna bellezza di primavera, nessuna bellezza estiva ha la grazia che ho visto in un volto autunnale. (John Donne)
  • Non posso sopportare di perdere qualcosa di così prezioso come il sole autunnale restando in casa. Così ho trascorso quasi tutte le ore di luce nel cielo aperto. (Nathaniel Hawthorne)
  • “Perché io?” sembra dire cadendo la prima foglia che un albero abbandona nell’autunno. (Grégoire Lacroix)
  • Poi l’estate svanisce e passa, e arriva ottobre. Si fiuta l’umidità, si sente una chiarezza insospettabile, un brivido nervoso, una veloce esaltazione, un senso di tristezza e di partenza. (Thomas Wolfe)
  • Quando, in autunno, raccoglierete l’uva dalle vigne per il torchio, dite in cuor vostro: “Anch’io sono una vigna, e i miei frutti saranno raccolti per il torchio, e come vino nuovo sarò tenuto in botti eterne”. (Kahlil Gibran)
  • Quello che c’è talvolta di bello nell’autunno è che, quando il mattino ci si sveglia dopo una settimana di pioggia, di vento e di nebbia, tutto lo spazio, brutalmente, sembra ubriacarsi di sole. (Victor-Lévy Beaulieu)
  • Se io preferisco tanto l’autunno alla primavera, è perché in autunno si guarda il cielo — in primavera la terra. (Søren Kierkegaard)
  • Sì, è così. Come la natura volge verso l’autunno, così l’autunno si fa in me e intorno a me. Ingialliscono le mie foglie, e già le foglie degli alberi vicini sono cadute. (Wolfang Goethe)

Autunno in poesia

Naturalmente anche i poeti hanno parlato di autunno. Leggete questa bellissima poesia di Nazim Hikmet dal titolo Foglie morte (traduzione di Joyce Lussu)

Veder cadere le foglie mi lacera dentro
soprattutto le foglie dei viali
soprattutto se sono ippocastani
soprattutto se passano dei bimbi
soprattutto se il cielo è sereno
soprattutto se ho avuto, quel giorno, una buona notizia
soprattutto se il cuore, quel giorno, non mi fa male
soprattutto se credo, quel giorno, che quella che amo mi ami
soprattutto se quel giorno mi sento d’accordo con gli uomini e con me stesso
veder cadere le foglie mi lacera dentro
soprattutto le foglie dei viali dei viali d’ippocastani.

Se poi volete su GraphoMania trovate diverse poesie dedicate all’autunno:

Foto | Pixabay




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.