0
pubblicato domenica, 11 ottobre 2015 da Roberto Russo in Premi letterari
 
 

Donne Premio Nobel per la Letteratura: chi sono?

donne premio nobel per la letteratura

Le 14 donne Premio Nobel per la Letteratura

Svetlana Alexievich è la quattordicesima donna ad aver vinto il Premio Nobel per la letteratura per la sua opera polifonica che è un inno al coraggio. La prima donna ad aggiudicarsi il prestigioso riconoscimento fu Selma Lagerlöf, nel 1909. Vediamo, dunque, le donne Premio Nobel per la Letteratura e le motivazioni di tutte e quattordici le vincitrici:

  1. Selma Lagerlöf (1858-1940): “per l’elevato idealismo, la vivida immaginazione e la percezione spirituale che caratterizzano le sue opere”.
  2. Grazia Deledda (1871-1936): ha vinto il Nobel nel 1926 “per la sua ispirazione idealistica, scritta con raffigurazioni di plastica chiarezza della vita della sua isola nativa, con profonda comprensione degli umani problemi”.
  3. Sigrid Undset (1882-1949): la scrittrice norvegese ha vinto il Nobel nel 1928 “principalmente per la sua imponente descrizione della vita nordica durante il medioevo”.
  4. Pearl Buck (1892-1972): “per le sue ricche ed epiche descrizioni della vita contadina in Cina e per i suoi lavori autobiografici” (Nobel nel 1938).
  5. Gabriela Mistral (1889-1957): siamo nel 1945 e il Nobel per la letteratura va a lei “per la sua lirica, ispirata da forti emozioni, che ha fatto del suo nome un simbolo delle aspirazioni idealistiche dell’intero mondo latino americano”.
  6. Nelly Sachs (1891-1970): vinse il Nobel nel 1966 insieme a Shmuel Agnon. La motivazione del premio a Nelly Sachs è la seguente: “per la sua scrittura lirica e drammatica eccezionale, che interpreta il destino d’Israele con resistenza commovente”.
  7. Nadine Gordimer (1923-2014): ha vinto il Nobel nel 1991 perché “con la sua scrittura epica magnifica – nelle parole di Alfred Nobel – è stata di notevole beneficio all’umanità”.
  8. Toni Morrison (1931): è il 1993 e il Nobel va a Toni Morrison “che in racconti caratterizzati da forza visionaria e rilevanza poetica dà vita ad un aspetto essenziale della realtà americana”.
  9. Wislawa Szymborska (1923-2012): la poetessa ha vinto il Nobel nel 1996 “per la poesia che con ironica precisione permette al contesto storico e biologico di venire alla luce in frammenti di realtà umana”.
  10. Elfriede Jelinek (1946): la scrittrice austriaca vince il Nobel “per il flusso melodico di voci e controvoci in romanzi e testi teatrali, che con estremo gusto linguistico rivelano l’assurdità dei cliché sociali e il loro potere”.
  11. Doris Lessing (1919-2013): “cantrice dell’esperienza femminile che con scetticismo, passione e potere visionario ha messo sotto esame una civiltà divisa”. È questa la motivazione con la quale le viene assegnato il Nobel nel 2007.
  12. Herta Müller (1953): ha vinto il Nobel nel 2009 perché “ con la concentrazione della poesia e la franchezza della prosa, dipinge il panorama dello spodestato”.
  13. Alice Munro (1931): a lei il Premio Nobel 2013 perché “maestra del racconto breve contemporaneo”.
  14. Svetlana Alexievich (1948): ha vinto il Nobel nel 2015 “per la sua opera polifonica, un monumento alla sofferenza e al coraggio nel nostro tempo”.

Foto | WikiCommons




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.