0
pubblicato martedì, 13 ottobre 2015 da Roberto Russo in Premi letterari
 
 

Premi Nobel italiani: chi sono

Premi Nobel italiani

Chi sono i Premi Nobel italiani? Quanti sono? In quali materie eccelliamo?

Chi sono e quanti sono i Premi Nobel italiani? In quale sezione del Nobel abbiamo più Premi Nobel? In tutto sono venti i Premi Nobel italiani (sono inclusi anche i compatrioti che risultano naturalizzati in altri paesi, soprattutto USA) e la parte del leone la fanno i Premi Nobel per la medicina e la letteratura, seguiti dal Nobel per la fisica. I premi scientifici risultano spesso condivisi con altri studiosi.

Di seguito l’elenco dei vincitori e delle vincitrici dei Premi Nobel nelle varie scienze; per l’ordine seguiamo quello proposto dal sito ufficiale del Nobel.

I Premi Nobel italiani

Premio Nobel per la fisica

  1. Guglielmo Marconi (1874-1937): nel 1909 con Karl Ferdinand Braun “in riconoscimento del loro contributo allo sviluppo della telegrafia senza fili”
  2. Enrico Fermi (1901-1954): nel 1938 “per la sua dimostrazione dell’esistenza di nuovi elementi radioattivi prodotti da irraggiamento neutronico, e per la relativa scoperta delle reazioni nucleari indotte da neutroni lenti”
  3. Emilio Gino Segrè (1905-1989): nel 1959 con Owen Chamberlain “per la loro scoperta dell’antiprotone”
  4. Carlo Rubbia (1934): nel 1984 con Simon van der Meer “per il loro contributo decisivo al grande progetto, che ha portato alla scoperta delle particelle W e Z, comunicatori di interazione debole”
  5. Riccardo Giacconi (1931): nel 2002 “per i contributi pionieristici all’astrofisica, che hanno portato alla scoperta di sorgenti cosmiche di raggi X”

Premio Nobel per la chimica

  1. Giulio Natta (1903-1979): nel 1963 con Karl Ziegler “per le loro scoperte nel campo della chimica e della tecnologia dei polimeri”

Premio Nobel per la medicina

  1. Camillo Golgi (1843-1926): nel 1906 insieme a Santiago Ramón y Cajal “in riconoscimento del loro lavoro sulla struttura del sistema nervoso”
  2. Daniel Bovet (1907-1922): nel 1957 “per le sue scoperte in relazione a composti sintetici che inibiscono l’azione di alcune sostanze dell’organismo, e soprattutto alla loro azione sul sistema vascolare e i muscoli scheletrici”
  3. Salvatore Edoardo Luria (1912-1991): nel 1969 con Max Delbrück e Alfred D. Hershey “per le loro scoperte sul meccanismo di replicazione e la struttura genetica dei virus”
  4. Renato Dulbecco (1914-2012): nel 1975 con David Baltimore “per le loro scoperte concernenti le interazioni fra virus tumorali e il materiale genetico della cellula”
  5. Rita Levi-Montalcini (1909-2012): nel 1986 con Stanley Cohen “per le loro scoperte e l’individuazione di fattori di crescita cellulare”
  6. Mario Capecchi (1937): nel 2007 con Martin Evans e Oliver Smithies “per le loro scoperte del principio per introdurre specifici geni nei topi tramite cellule staminali embrionali”

Premio Nobel per la Letteratura

Premio Nobel per la Pace

  1. Ernesto Teodoro Moneta (1833-1918): nel 1907 in quanto Presidente dell’Unione lombarda per la pace

Premio della Banca di Svezia per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel (aka Premio Nobel per l’Economia)

  1. Franco Modigliani (1918-2003): nel 1985 “per la sua analisi pionieristica del risparmio e dei mercati finanziari”

Foto | WikiCommons




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.