0
pubblicato mercoledì, 17 febbraio 2016 da Roberto Russo in Zibaldone
 
 

René Laennec e lo stetoscopio nel doodle di Google

Il doodle di Google per il 235° anniversario della nascita di René Laennec

Il doodle di Google per il 235° anniversario della nascita di René Laennec

Quante volte parlando del cuore, come organo del nostro corpo, vi è stato detto (o magari voi stessi l’avete detto) che le sue dimensioni sono come quelle del proprio pugno chiuso? La formulazione di questa idea si deve a René-Théophile-Marie-Hyacinthe Laennec, conosciuto come René Laennec, che nacque a Quimper, in Bretagna, il 17 febbraio 1781 (e morì poi a Kerlouarnec il 13 agosto 1826). Tra l’altro nel 1816 il nostro René Laennec inventò lo stetoscopio (termine che deriva dal greco e vuol dire “osservare / esplorare il petto”). A questo medico è dedicato il doodle di Google, che vuole celebrarne i 235 anni dalla nascita.

Lo stetoscopio del dottor Laennec era diverso da quello che conosciamo oggi: era un tubo della lunghezza di una trentina di centimetri, di cedro o di ebano con un canale interno largo cinque millimetri. È stata un’invenzione rivoluzionaria (nata per caso, mentre osservava dei ragazzini che giocavano con un tubo per ascoltare come veniva ampliato il rumore di uno spillo) tanto che oggi lo stetoscopio è il simbolo della professione medica (se, per esempio, fate una ricerca su Google per la parola medico e poi vedete le immagini, quello che vi compare sono delle persone con il camice bianco e lo stetoscopio al collo). René Laennec venne considerato un luminare dalla scuola clinica francese dei primi dell’Ottocento tanto che il suo libro De l’auscultation médiate ou traité du diagnostic des maladies des poumons et du coeur, fondé principalement sur ce nouveau moyen d’exploration (Parigi 1819, voll. 2) venne edito più volte ed ebbe anche diverse traduzioni. Tra gli altri suoi studi, ricordiamo che René Laennec diede contributi fondamentali alla cirrosi epatica (tra l’altro, fu proprio lui a chiamarla così) e descrisse i vari rumori percepibili quando si ausculta il torace.

Il doodle di Google per il 235° anniversario della nascita di René Laennec

Il doodle di Google per il 235° anniversario della nascita di René Laennec è stato disegnato dalle artiste Helene Leroux e Olivia Huynh che hanno rappresentato sia il primo stetoscopio inventato dal dottor Laennec che la sua evoluzione come la conosciamo oggi. Tra i due stetoscopi, la seconda O di Google diventa un petto da auscultare, con i polmoni bene in vista.




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.