0
pubblicato martedì, 8 marzo 2016 da Roberto Russo in Zibaldone
 
 

Festa internazionale della donna 2016: il doodle di Google

Google Doodle per la Festa internazionale della donna 2016

Google Doodle per la Festa internazionale della donna 2016

#OneDayIWill è l’hashtag lanciato da Google per la Festa internazionale della donna 2016 con un doodle animato che è un vero e proprio filmato in cui ci sono donne di tutto il mondo che raccontano i propri desideri.

Come spiega Google stesso, in occasione della Festa internazionale della donna 2016 la troupe di Mountain View ha visitato tredici paesi e ha parlato con 337 donne e bambine e a chiesto loro di completare la frase: Un giorno…

Dalle nonne alle nipoti, donne di San Francisco, Rio de Janeiro, Città del Messico, Lagos, Mosca, Il Cairo, Berlino, Londra, Parigi, Giacarta, Bangkok, Nuova Delhi e Tokyo hanno mostrato la propria personalità e hanno espresso i loro sogni (al minuto 1.07 c’è anche in italiano: “Un giorno” con sullo sfondo Londra). Anche coloro che hanno già concretizzato il proprio sogno ne hanno espressi di nuovi: nel video troviamo l’etologa Jane Goodall – celebre per le sue ricerche sulla vita sociale e familiare degli scimpanzé – che spera un giorno di poter parlare di ambiente con papa Francesco, mentre Malala Yousafzai, Nobel per la Pace 2015, e l’attivista Muzoon Almellehan ribadiscono il proprio impegno di voler continuare a lavorare senza paura per un futuro in cui ogni ragazza potrà andare a scuola.

Lydia Nichols, Helene Leroux e Liat Ben-Rafael, creatrici del doodle di Google per la Festa internazionale della donna 2016 su musica originale di Merrill Garbus, affermano che non sempre è stato facile tradurre in parole il sogno delle donne incontrate. «Quando abbiamo chiesto alle donne per strada – affermano le autrici – di esprimere a parole i loro sogni, spesso ci siamo trovate dinanzi a una pausa e poi a un discorso di diversi minuti».

Festa internazionale della donna 2016: #OneDayIWill

Al doodle di Google per la Festa internazionale della donna 2016 è associata una landing page dedicata che così inizia: «Se puoi sognarlo, puoi farlo. Condividi la tua dichiarazione con #OneDayIWill. Crediamo nel tuo futuro. Per questa Giornata internazionale della donna, condividi la tua dichiarazione #OneDayIWill con il resto del mondo: è il primo passo per raggiungerlo». Sulla pagina sono presenti i backstage dei video delle tredici città toccate dal doodle, come anche degli approfondimenti su alcuni dei gruppi che aiutano le donne in tutto il mondo a cambiare il futuro.








Potrebbe interessarti anche…

Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: “Nulla che sia umano mi è estraneo” (Terenzio) e “Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo” (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, è blogger su varie testate di nanopublishing, oltre che editore della Graphe.it.