0
pubblicato sabato, 26 marzo 2016 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

I libri di Paolo Poli (e quelli su di lui)

Libri di Paolo Poli

I libri di Paolo Poli (e quelli su di lui)

Fino a qualche tempo fa era difficile trovare libri di Paolo Poli o quelli scritti su di lui. Difficile, ma non impossibile.

Con Ida Omboni, Paolo Poli ha firmato diversi testi, come Rita da Cascia (1967), Carolina Invernizio (1970), Telefoni bianchi e camicie nere (1975), Giallo! (1977), Mistica… (1980), Giuseppe Giuseppe! Filastroccario verdiano (1981).

Nel 2009 arriva in libreria In scena en travesti. Il travestimento nello spettacolo italiano, pubblicato dalla Libreria Croce, a cura di Andrea Jelardi e con un’intervista di Gianluca Meis a Paolo Poli. Nello stesso anno Giulio Perrone editore manda in libreria Siamo tutte delle gran bugiarde: si tratta di una conversazione di Paolo Poli con Giovanni Pannacci ed è un testo che viene considerato un po’ l’autobiografia dell’attore.

In Sempre fiori, mai un fioraio. Ricordi a tavola (Rizzoli Controtempo), tra una passeggiata romana e una serie di pranzi, sempre nello stesso ristorante, Paolo Poli racconta a Pino Strabioli e ai lettori, che quasi per magia diventano spettatori, i suoi ottant’anni da “regina” delle scene: dall’infanzia funestata dal fascismo e dai preti sino all’ultima calata di sipario.

Non possiamo certo dimenticare qui Alfabeto Poli a cura di Luca Scarlini: una sorta di “romanzo parlato” che mette nero su bianco cinquant’anni di ricordi e racconti. Vi rimandiamo alla nostra recensione.

Da segnalare anche il testo Paolo Poli e Lele Luzzati. Il Novecento è il secolo nostro scritto da Marina Romiti e pubblicato da Maschietto, e Paolo Poli l’attore lieve. Un percorso a rebours da “Sillabari” a “Rita da Cascia” a firma di Teresa Megale.

Paolo Poli ha poi prestato la sua voce per diversi audiolibri e, con la sua arte, è riuscito a rendere intriganti anche testi che poi così coinvolgenti non lo sono. Se è facile leggere Pinocchio di Collodi o I promessi sposi (letture che egli ha fatto), provate voi a rendere ammiccante La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene dell’Artusi: un ricettario che ha fatto la storia, è vero, ma che è pur sempre un susseguirsi di ricette. Eppure Paolo Poli nella lettura fatta per Emons riesce a metterci dentro quel pizzico di genialità che fa gustare pienamente (è il caso di dirlo) anche un elenco di ricette.

Foto | I, Sailko [GFDL o CC BY-SA 3.0], attraverso Wikimedia Commons








Potrebbe interessarti anche…

Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: “Nulla che sia umano mi è estraneo” (Terenzio) e “Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo” (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, è blogger su varie testate di nanopublishing, oltre che editore della Graphe.it.