1
pubblicato mercoledì, 13 luglio 2016 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

10 belle case editrici di libri illustrati

case editrici di libri illustrati

Dieci belle case editrici di libri illustrati

Quando si parla di case editrici di libri illustrati si intendono quegli editori che pubblicano libri in un cui la parola e l’immagine formano un tutt’uno: quindi non libri di testo con qualche immagine qua e là, nemmeno libri fotografici (che sono un mondo a sé stante) e nemmeno graphic novel. Solitamente la case editrici di libri illustrati – detti anche albi illustrati – pubblicano libri per bambini, ma non mancano edizioni illustrate pensate per un pubblico adulto.

I libri illustrati di questo tipo sono molto curati in tutti gli aspetti: dalla qualità della storia a quella delle immagini, dalla cura per la carta all’attenzione per particolari «secondari» quali la rilegatura o gli angoli.

Tra le varie case editrici di libri illustrati che ci sono in Italia ne abbiamo scelte dieci che secondo noi pubblicano dei piccoli gioielli.

Case editrici di libri illustrati

  1. Babalibri: è una casa editrice italo-francese che pubblica esclusivamente albi illustrati per la fascia prescolare, primo ciclo della scuola primaria. Babalibri pubblica in Italia titoli già disponibili per il mercato estero. Tra i libri pubblicati da questa casa editrice ricordiamo il famosissimo Piccolo Blu e Piccolo Giallo di Leo Lionni.
  2. Bohem Press: nel 1973 a Zurigo, in Svizzera, i giovani boemi Stepan Zavrel (illustratore) e Otakar Bozejovsky von Rawenoff (musicista) fondano la Bohem Press. Nel 2001 questa casa editrice è approdata in Italia con il nome di Bohem Press Italia e oggi è una realtà indipendente dalla casa madre, pur mantenendo la rigorosa linea di qualità e ricerca iconografica, pubblicando libri connotati da testi che conservano il sapore della fiaba classica, anche grazie alle illustrazioni dei migliori artisti internazionali. Tra i vari testi pubblicati da Boehm Press segnaliamo Senza ricetta nella cucina di Marta di Silvia Geroldi con disegni di Giuseppe Braghiroli, una sorta di ricettario in cui alla bellezza delle immagini si unisce la brevità degli haiku.
  3. Camelozampa: è una casa editrice che nasce nel 2011 dall’unione di due realtà precedenti: Zampanera, specializzata in editoria per bambini e ragazzi, e Camelopardus, indirizzata alla narrativa straniera e al fantasy. Così Camelozampa pubblica albi e narrativa illustrata per bambini e ragazzi, come anche narrativa straniera d’autore e saggistica fantasy. Per farvi un’idea dei libri di Camelozampa potete dare uno sguardo alle nostre recensioni: Il gatto nella mangiatoia di Michael Foreman; Lola e io di Chiara Valentina Segré.
  4. Fatatrac: è stata fondata nel 1981 da Nicoletta Codignola e anche qui abbiamo una fusione; la collana per bambini della Nuova Italia (divenuta autonoma con la cessione della casa editrice da parte della famiglia Codignola al gruppo RCS-Rizzoli) e Fatatrac, fondata Firenze da un gruppo di dodici illustratori nel 1979. Nel 2011 Fatatrac è diventata marchio di Edizioni del Borgo, casa editrice partecipata dal gruppo Giunti. I libri della casa editrice Fatatrac si caratterizzano per il rigore dei contenuti, per l’attenzione alla qualità dell’illustrazione e per l’impegno educativo attentissimo alle problematiche sociali.
  5. Kalandraka: con il motto di «libri per sognare» questa casa editrice nasce nel 1998 in Galizia e da allora si è aperta ad altre lingue, pubblicando in castigliano, catalano, basco, italiano e inglese. Albi illustrati originali – tra cui segnaliamo il bellissimo Orecchie di farfalla di Luisa Aguilar, con illustrazioni di André Neves e traduzione italiana di Marina Sanfilippo – ma anche uno sguardo ai lettori adulti.
  6. Kite Edizioni: una casa editrice di libri illustrati che è una forza! La Kite edizioni nasce nel 2006 grazie a Caterina Arcaro; nel 2011 si fonde con la Campass, gestita da Francesca Passerini, formando un unico polo editoriale, che si apre poi anche sul mercato francese aprendo il marchio Passepartout. La Kite edizioni propone «un’esperienza letteraria ed estetica, selezionando autori e illustratori nazionali e internazionali, provenienti da tutto il mondo». Tra i testi pubblicati da Kite edizioni ci è piaciuto molto Polline. Una storia d’amore di Davide Calì con illustrazioni di Monica Barengo, con una cornacchia, pure antipatica, che dice alla protagonista: «Dovresti amare solo per amore, né per dare qualcosa né per esserne ricambiata. Dovresti godere di ciò che hai, non di ciò che ottieni»
  7. Lapis: vede la luce nel 1996 e pubblica testi rivolti a bambini e ragazzi dai tre ai quindici anni. All’inizio pubblicava solo guide turistiche pensate per i più piccoli, poi piano piano ha ampliato il proprio catalogo con albi illustrati sull’arte, la scienza, la narrativa.
  8. Orecchio Acerbo Editore: forse una delle case editrici di libri illustrati più note e con titoli sempre molto accattivanti e splendidamente realizzati. Come scrivono sul sito: «Libri per ragazzi che non recano danno agli adulti / libri per adulti che non recano danno ai ragazzi». Su GraphoMania abbiamo recensito vari libri di Orecchio Acerbo: Arriva il gatto di Frank Ash e Vladimir Vagin; Baci di Goele Dewanckel; Il pirata e il farmacista di Robert Louis Stevenson; Lei. Vivian Maier di Cinzia Ghigliano.
  9. Sassi Junior: è una casa editrice per bambini completamente dedita all’ecologia: quindi utilizzo di carta riciclata o certificata, inchiostri ecologici, una cura particolare dei libri che hanno quanto più possibile un aspetto naturale. Tutto questo si traduce, ovviamente, anche nei contenuti dei libri illustrati per rendere consapevoli i giovani lettori dell’importanza del rispetto del mondo.
  10. Topipittori: è stata fondata a Milano nel 2004 da Paolo Canton e Giovanna Zoboli per i quali «il libro illustrato si rivela uno strumento fondamentale per impostare un rapporto non passivo con il sapere, il pensiero, i sentimenti, e un medium eccezionale per sviluppare e formare l’abilità di decodificare la realtà attraverso i simboli umani dell’arte, della comunicazione, della cultura».

Si ringrazia Anna Fogarolo per i preziosi consigli nella scelta delle case editrici di libri illustrati.

Foto | The British Library via Visual Hunt / No known copyright restrictions




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.