0
pubblicato mercoledì, 9 novembre 2016 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Chi è Donald Trump? 5 libri per conoscerlo meglio

Donald Trump

Donald Trump

Donald Trump ha vinto le elezioni presidenziali USA e sarà il 45 presidente degli Stati Uniti d’America. Una vittoria che ha destato sorpresa in molti. La favorita è sempre stata Hillary Clinton eppure l’America ha votato diversamente. Eppure, stando alle opinioni di chi conosce bene il mondo USA, la vittoria del tycoon era nell’aria. Per provare a capire un po’ meglio la situazione e conoscere colui che governerà gli Stati Uniti per i prossimi quattro anno, vi proponiamo alcuni libri recenti che spiegano il fenomeno «Donald Trump».

5 libri per conoscere meglio Donald Trump

Andrew Spannaus, Perché vince Trump. La rivolta degli elettori e il futuro dell’America (Mimesis 2016)

L’analista americano Andrew Spannaus spiega le vere motivazioni dietro al successo di Donald Trump. L’atteggiamento dei media è stato superficiale, tant’è che nessuno credeva che Trump potesse davvero vincere la nomina. In questo libro si indaga sulle correnti profonde della società americana che hanno spinto il candidato repubblicano a stravolgere la politica americana. Dopo quest’anno l’America non sarà più la stessa: l’establishment dovrà tenere conto dei rischi di ignorare la fetta crescente della popolazione lasciata indietro dalla globalizzazione dell’economia.

George Beahm, Trump contro tutti. Le parole e le idee che infiammano la politica americana (Rizzoli Etas 2016)

Da dove nasce il fenomeno Trump? E perché avrebbe dovuto essere preso sul serio sin da subito, quando ha annunciato di volersi candidare? Attraverso le sue stesse parole, tratte da interviste e interventi pubblici, il libro è la guida non ufficiale alla mente di Trump, per capire come, attingendo in profondità all’insoddisfazione degli elettori rispetto ai politici, è riuscito a monopolizzare l’attenzione dei media, facendo il contrario di quello a cui fino a oggi eravamo abituati.

Guido Caldiron, Wasp. L’America razzista dal Ku Klux Klan a Donald Trump (Fandango 2016)

Donald Trump appare come l’ideale punto di arrivo di una lunga vicenda che ha visto il conflitto razziale e le discriminazioni come il sintomo più evidente e inquietante di una crisi tutta attuale e dagli esiti al momento ancora imprevedibili. Trump non è un’eccezione. È il prodotto di una cultura fortemente conservatrice che propone di difendere quel che resta della supremazia wasp – acronimo dell’espressione White Anglo-Saxon Protestant (“bianco di origine anglosassone e di religione protestante”) – contro la minaccia rappresentata dalla rapida crescita demografica delle minoranze.

I top 100 di Donald Trump. I migliori tweet selezionati e tradotti per voi (a cura di Veronica Vinattieri, goWare 2016)

Forse nessun candidato alla presidenza degli Stati Uniti ha compreso l’importanza dei social media come Donald Trump. E nessuno prima di lui ha fatto di Twitter il più importante strumento di comunicazione con gli elettori e l’opinione pubblica. Il libro propone i 106 tweet più popolari sui principali temi legati alla personalità di Trump e al suo programma presidenziale. Forse questi brevissimi testi sono la chiave per capire quello straordinario fenomeno politico e sociale che è stato definito il trumpismo che non è né un qualcosa di passeggero né tantomeno di clownesco.

Sabine Mayer, Donald Trump. Avidità, potere e denaro (Edizioni Effedì 2016)

Quali aspetti di questo miliardario glamour, che ama sfoggiare la sua ricchezza, affascinano gli americani? Chi è questo Donald Trump che vuole diventare l’uomo più potente del pianeta? Dai singoli pezzi del puzzle è possibile costruire il ritratto di un uomo che vuole sempre di più: più potere, più denaro, più visibilità. Donald Trump vuole vincere.

Foto | Di Michael Vadon (Opera propria) [CC BY-SA 4.0], attraverso Wikimedia Commons




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.