0
pubblicato lunedì, 9 gennaio 2017 da Roberto Russo in News culturali
 
 

Pranzo di nozze in libreria, a Parma

La libreria Feltrinelli di Parma che ha ospitato il pranzo di nozze di Elisa ed Enrico
La libreria Feltrinelli di Parma che ha ospitato il pranzo di nozze di Elisa ed Enrico

Se ami i libri, perché non celebrare quello che viene definito il giorno più bello della propria vita proprio in libreria? Così Elisa ed Enrico hanno pensato bene di tenere il pranzo di nozze in libreria, per la precisione presso la Feltrinelli della propria città, Parma. La scelta, dice Enrico, è stata «molto naturale» e alla fine non ci hanno pensato nemmeno tanto su: insomma, sono andati dove li ha portati il cuore! Spiega Enrico: «Visto che noi in libreria praticamente passiamo ogni giorno, ci fermiamo, pranziamo, curiosiamo soprattutto, ci è venuta soprattutto di chiederci perché non fermarci e sposarci in un posto in cui ci troviamo perfettamente a nostro agio».

Roberto Ceresini, direttore della libreria, ha reso possibile il loro sogno e così ha riservato uno spazio in libreria, in mezzo ai libri. Il menù, curato dall’Antica Focacceria San Francesco, prevedeva piatti di pesce e di carne per accontentare tutti gli ospiti, una ventina in tutto. Che, a detta di Elisa, all’inizio sono rimasti un po’ stupiti dalla location, ma poi si sono dimostrati piacevolmente colpiti. «Un po’ perché conoscendoci sanno che ci piace leggere – chiosa Elisa – e che abbiamo la casa piena di libri quindi in libreria ci sentiamo veramente a casa nostra, e un po’ perché questa scelta, fuori dal convenzionale, è stata resa fattibile perché si è trattato di un pranzo di nozze intimo, con pochi veri amici». Come segnaposto gli sposi hanno scelto un libro, ovviamente.

Per quel che riguarda i loro gusti di lettura, Elisa è più appassionata di narrativa con una particolare predilezione per L’amore ai tempi del colera di Gabriel García Márquez, mentre Enrico ama la saggistica e in questo periodo legge testi di fisica, libri sul Big Bang e libri di e su Stephen Hawking.

Del resto vanno di moda gli hotel con stanze piene di libri in cui poter dormire, perché non dovrebbe essere possibile celebrare il proprio pranzo di nozze in mezzo ai libri?

Tanti auguri agli sposi!

Foto | Google Maps




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.