0
pubblicato venerdì, 10 febbraio 2017 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Rosso Istanbul: arriva al cinema il film di Ozpetek tratto dal suo romanzo

Dal libro al film: «Rosso Istanbul» di Ferzan Ozpetek
Dal libro al film: «Rosso Istanbul» di Ferzan Ozpetek

Rosso Istanbul, il romanzo pubblicato da Ferzan Ozpetek nel 2014, diventa un film per la regia dello stesso Ozpetek. L’uscita al cinema è per il 2 marzo 2017 e intanto la casa di distribuzione – 01 Distribution – ha pubblicato il trailer.

In Rosso Istanbul recitano Halit Ergenc, Tuba Buyukustun, Nejat Isler, Mehmet Günsür, Serra Yılmaz. La sinossi del film è la seguente: «Orhan Sahin torna a Istanbul dopo venti anni di assenza volontaria. Come editor deve aiutare Deniz Soysal, famoso regista cinematografico, a finire la scrittura del suo libro. Ma Orhan rimane intrappolato in una città carica di ricordi rimossi. Si ritrova sempre più coinvolto nei legami con i famigliari e gli amici di Deniz che sono anche i protagonisti del libro che il regista avrebbe dovuto finire. Soprattutto Neval e Yusuf, la donna e l’uomo a cui Deniz è più legato, entrano prepotentemente anche nella vita di Orhan. Quasi prigioniero nella storia di un altro, Orhan però finisce per indagare soprattutto su se stesso, riscoprendo emozioni e sentimenti che credeva morti per sempre e che invece tornano a chiedergli il conto per poter riuscire a cambiare la sua vita».

Nel romanzo Rosso Istanbul (pubblicato da Mondadori) troviamo un ritratto potente della città in cui l’autore è nato e in cui torna per prendere contatto con il presente che sa di passato. Il romanzo, dedicato a sua madre e a Simone «perché davvero l’amore è la cosa più importante della vita», così comincia:

Fa caldo. Mi siedo in aereo, allaccio la cintura di sicurezza. Come mai fa così caldo? Non dovrebbe, in aereo. Forse mi sono portato quest’aria immobile e pesante da fuori. È una serata calda a Roma, ma co che mi accoglierà un vento fresco nella città che mi aspetta: Istanbul. Dove mi aspetta la mia vecchia casa. La villa antica e bianca in cui sono cresciuto e che ho lasciato, e non avevo ancora diciotto anni. Ma in qualche modo, sempre casa.

La dedica del romanzo è anche la tagline del film: «Niente è più importante dell’amore».

Foto | Pixabay (per lo sfondo di Istanbul)




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.