0
pubblicato lunedì, 24 aprile 2017 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Quanti soldi aveva Mister Darcy di «Orgoglio e pregiudizio»?

Quanti soldi aveva Mister Darcy di «Orgoglio e pregiudizio»?
Quanti soldi aveva Mister Darcy di «Orgoglio e pregiudizio»?

Sappiamo che Mister Darcy era molto ricco. È una delle cose che la signora Bennet mette subito in chiaro all’inizio di Orgoglio e pregiudizio, il romanzo di Jane Austen. Con le sue diecimila sterline di rendita annuale era un buon partito. A noi lettori di oggi diecimila sterline di rendita non sembrano poi così tanti soldi (non sono nemmeno dodicimila euro annui, al cambio odierno). Sappiamo bene, però, che diecimila sterline di allora non equivalgono alla stessa somma di oggi. Allora, cosa significava essere ricchi ai tempi di Jane Austen?

La Jane Austen Society of North America ha tradotto, diciamo così, in moneta attuale gli averi dei personaggi maschili di Orgoglio e pregiudizio. Come è noto, il problema delle donne era che non potevano disporre della propria fortuna…

Le rendite annuali di Mister Darcy e degli altri personaggi di «Orgoglio e pregiudizio»

Mister Darcy è il più ricco di tutti. È tanto ricco. Ai giorni nostri la sua rendita sarebbe di 990.560 dollari annui, vale a dire 923.031 euro annui. A queste – che ribadiamo sono le sue entrate annuali – si devono sommare i debiti di famiglia.

Mister Bingley ha un po’ meno soldi: una rendita annuale di cinquemila sterline, che significano 495.280 dollari annui (461.516 euro). A questi si devono aggiungere i sei milioni di dollari (poco più di cinque milioni e mezzo di euro) ereditati dal padre. Insomma, pure lui non se la passava male.

Il padre delle sorelle Bennet aveva una rendita di 198.112 dollari (184.606 euro) che poi non è così male per assicurare una vita agiata alle figlie. Il problema è che questo denaro sarebbe andato nelle mani di Mister Collins dopo la morte del signor Bennet.

Chi stava messo proprio male era Mister Wickham, sprofondato in un pozzo di debiti. Al cambio di oggi i suoi debiti di gioco ammontano a 406.270 dollari, vale a dire 378.574 euro. Insomma, nessun motivo per essere felice!

La conversione è stata fatta tramite il tool di Oanda in data 23 aprile 2017.
Foto | PixabayWikimedia Commons




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.