0
pubblicato mercoledì, 21 giugno 2017 da Nymeria in Mondolibri
 
 

Jane Austen a Londra (e non solo): i luoghi dove respirare le atmosfere della scrittrice

Jane Austen a Londra
Jane Austen a Londra

C’è un gravissimo effetto collaterale nel leggere i libri di Jane Austen: ti viene un insopprimibile desiderio di visitare Londra (e anche Bath, non dimentichiamoci di Bath). Lo so, la segreta speranza di noi tutti è quella di imbatterci accidentalmente in Mr. Darcy, Mr. Knightley o nel Colonnello Brandon, ma anche se sappiamo che ciò non succederà mai, almeno possiamo immergerci nelle atmosfere londinesi create nella nostra mente da Jane Austen.

Jane Austen a Londra

Jane Austen nel corso della sua vita si recò più volte a Londra. Ma dobbiamo subito dire che non tutti i luoghi da lei visitati sono sopravvissuti. Per esempio la residenza del Principe Reggente di Carlton House (era un suo ammiratore) non c’è più. Tuttavia ci sono altri posti da visitare per seguire le tracce di Jane Austen a Londra.

Infatti esiste ancora il negozio di Twinings dove Jane Austen comprava il tè, così come si può frequentare il Drury Lane Theatre nel West End, teatro dove la scrittrice spesso assisteva alle piece dell’epoca. Idem dicasi per il Covent Garden Opera House.

Le case di Jane Austen

Numerose poi le case ancora esistenti dove Jane Austen era ospite durante le sue visite a Londra. Per esempio potete andare in Sloane Street dove c’era la casa del fratello Henry, anche se a dire il vero al numero 64 non trovate la casa originaria perché quella venne abbattuta e poi ricostruita. Quando poi Henry rimase vedovo, andò a vivere a Henrietta Street, al numero 10: qui nel Covent Garden esiste ancora il palazzo originario.

Successivamente Henry comprò anche casa al numero 23 di Hans Place, dalle parti di Knightsbridge: pure questa venne distrutta e poi ricostruita. Ci sarebbero poi da vedere anche i luoghi di Londra descritti nei romanzi di Jane Austen, come per esempio Grosvenor Street e Cheapside, descritti in Orgoglio e pregiudizio.

Se volete poi vedere dei ritratti di Jane Austen dovete andare alla National Portrait Gallery (non c’era all’epoca di Jane Austen), mentre se vi recate alla British Library a St. Pancras troverete lo scrittoio portatile dell’autrice e il manoscritto originale di History of England, scritto da Jane e disegnato dalla sorella Cassandra.

Un salto nello Hampshire

Dopo aver terminato con Londra, non potete mancare una capatina nella contea dello Hampshire. Qui troverete la città natale di Steventon, Chawton con il cottage nel quale visse otto anni trasformato oggi nello Jane Austen’s House Museum e anche Winchester, dove la Austen trascorse gli ultimi mesi di vita e dove trovare la cattedrale nella quale si trova la sua tomba.

E non dimenticatevi di Bath!

E Bath, ricordatevi sempre di fare un salto anche a Bath visto che compare sempre nei romanzi di Jane Austen.

Foto | By UNI|SOUTH 15:16, 14 May 2008 (UTC) (Own work) [CC BY-SA 3.0 or GFDL], via Wikimedia Commons




Nymeria

 

Nerd inside, come scopo nella vita sto cercando di leggere tutta la letteratura fantasy possibile e immaginabile.. Beh, poi ci sono anche i manga, i videogiochi, i telefilm, i film… ce la farò?