0
pubblicato lunedì, 3 luglio 2017 da Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Un ricordo di Paolo Villaggio attraverso i suoi libri

Paolo Villaggio (1932-2017)
Paolo Villaggio (1932-2017)

Paolo Villaggio è morto. L’attore, celeberrimo per il suo personaggio di Fantozzi, cartina al tornasole di un certo periodo dell’Italia, si è spento in una clinica romana in cui era ricoverato. Lascia in eredità i suoi film, senza dubbio, come anche uno sguardo acuto sull’attualità (anche se a volte le sue uscite sono state molto contestate). E poi ci sono i suoi libri. Sì, perché Villaggio di libri ne ha scritti diversi. Vediamone alcuni.

Alcuni libri di Paolo Villaggio

Il primo pensiero va, ovviamente, al ragionier Fantozzi a cui Paolo Villaggio ha dedicato, tra l’altro, una trilogia uscita per Rizzoli: Fantozzi (2003), Il secondo tragico libro di Fantozzi (2003) e Fantozzi, rag. Ugo. La tragica e definitiva trilogia (2013).

Ma Paolo Villaggio non è stato solo il ragionier Fantozzi, come ben sappiamo. Con Fabrizio De André, per esempio, ha scritto la canzone Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers e a questa collaborazione è dedicato il libro La vera storia di Carlo Martello, per i tipi di Dalai. Da notare, tra l’altro, che la copertina di questo libro è stata disegnata, come omaggio all’autore, da Dario Fo.

A proposito di libri scritti a quattro mani segnaliamo anche Lei non sa chi eravamo noi (Mondadori) che racconta dell’amicizia tra Adriano Panatta e Villaggio.

Autobiografia e sguardo sul mondo

Per conoscere meglio Paolo Villaggio sono utili le sue autobiografie. Vita, morte e miracoli di un pezzo di merda è uscita per Mondadori. In essa Villaggio ripercorre la sua vita, i suoi successi televisivi e cinematografici. Altra autobiografia è quella scritta con Luca Sommi e in libreria per Aliberti: Non mi fido dei santi. Autobiografia bugiarda.

Villaggio è stato anche un acuto osservatore del mondo contemporaneo e troviamo le sue riflessioni, spesso dissacranti, in diverse pubblicazioni. Ne citiamo alcune: Siamo nella merda. Pillole di saggezza di una vecchia carogna (Mondadori), Sono incazzato come una belva (sempre per Mondadori), Giudizio universale (Feltrinelli). In questo filone possiamo far rientrare anche Mi dichi. Prontuario comico della lingua italiana (Mondadori anche questo) in cui l’autore fustiga, esalta, immortala l’italiano medio. All’italiano medio e alla sua passione per le crociere più o meno low cost è dedicato il testo Crociera lo cost (Mondadori).

Villaggio ha anche analizzato taluni aspetti della storia, naturalmente a suo modo. Troviamo le sue riflessioni in due pubblicazioni. La prima è Storia di donne straordinarie, pubblicata da Mondadori; mentre la seconda, uscita per Feltrinelli, è Storia della libertà di pensiero.

Foto | Premio Chiara via VisualHunt / CC BY


Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.








Potrebbe interessarti anche…