0
pubblicato lunedì, 18 dicembre 2017 da Anna Clara Basilicò in Mondolibri
 
 

Libri sul Natale per adulti: quali sono i migliori da regalare?

Libri sul Natale per adulti
Libri sul Natale per adulti

Fortunatamente i libri sono tra i doni che non passano mai di moda, e non si può negare che il Natale sia l’occasione migliore per regalarne uno. Il freddo, la tentazione di trascorrere le giornate su una poltrona: a completare l’immaginario manca, in effetti, solo un libro. Se si dovesse stilare una classifica generale dei testi da scegliere probabilmente non basterebbero le competenze di tutti i migliori librai e critici letterari, ma stringendo un po’ il campo si possono individuare alcuni titoli senza peccare troppo di saccenteria.

Alcuni libri sul Natale per adulti

Quale libro può essere più adatto alle vacanze natalizie di uno che è, effettivamente, ambientato in questo periodo dell’anno? E a questo proposito il grande capolavoro continua a essere il Canto di Natale di Dickens, commovente (persino Stevenson ammise di aver pianto leggendo quelle pagine!) e sempre attualissimo nella sua critica alle diseguaglianze e alle contraddizioni sociali. Altrettanto toccante è il racconto autobiografico di Capote, Ricordo di Natale, la storia dell’affetto tra Buddy e Sook, che ritualmente trova nel Natale la sua massima dichiarazione.

Nel panorama italiano è invece assolutamente da segnalare il Sogno di Natale e altri racconti di Pirandello, una raccolta di nove racconti selezionati da Guido Davico Bonino che ben dipinge la spiritualità dello scrittore siciliano.

Le raccolte di racconti a tema natalizio risultano peraltro una scelta azzeccata: sono molte le antologie di questo tipo, ognuna delle quali unica nel suo genere. Alessandra Repossi e Francesca Cosi ad esempio hanno curato il volume Il regalo più bello. Storie di Natale (2014), in cui figurano racconti di Mark Twain, Hans Andersen, Louisa May Alcott, Francis Scott Fitzgerald, Elsa Morante, Mario Rigoni Stern, Grazia Deledda, Marcello Fois, Guy de Maupassant, Dino Buzzati (di cui peraltro occorre ricordare il Racconto di Natale, contenuto nella Boutique del mistero) e tantissimi altri. Un nutritissimo gruppo di novelle raggruppate per affinità (Natale da sogno, Natale amaro, buon Natale, Natale in famiglia, strano Natale e Natale magico) e capaci di adattarsi davvero ai gusti letterari di tutti.

Natale in giallo

E tra i gusti letterari, come scordarsi la passione per i gialli, così diffusa tra i lettori adulti? La letteratura natalizia non si è affatto sottratta di fronte a questa sfida, ed ecco servito Il Natale di Poirot di Agatha Christie, classico intramontabile. Non da meno è Natale di morte, un macabro titolo per la novella di Rex Stout con Nero Wolfe e Archie Goodwin protagonisti. Un po’ meno convenzionale è poi il romanzo di Patricia Cornwell La cena di Natale. A tavola con Kay Scarpetta, a metà tra un ricettario e una cinica cronica, mentre segue più da vicino il solco l’antologia Storie di Natale edita da Sellerio, in cui sette maestri del giallo (Calaciura, Camilleri, Cataluccio, Giménez-Bartlett, Manzini, Recami e Stassi) presentano sette diversi (e decisamente inusuali!) punti di vista sulle festività.

Un altro romanzo assolutamente da leggere è Fuga da Natale, pubblicato nel 2001 da John Grisham e da cui, nel 2004, è stato tratto l’omonimo film. I protagonisti, una coppia di mezza età che, causa la lontananza da casa dell’unica figlia, decide di evitare i festeggiamenti e investire la somma generalmente spesa durante le feste per una crociera. Una decisione che non passa però inosservata agli occhi del vicinato, affatto d’accordo con la mancanza di «spirito natalizio» dei coniugi Krank.

Insomma: libri davvero per tutti i gusti. A voi la scelta!

 Foto | Ben White via Unsplash




Anna Clara Basilicò

 
(Quasi) laureata in Lettere classiche, vivo tra Milano e Palermo per soddisfare il bisogno di agire e quello di sognare. Il mio motto è il kantiano “Sapere aude”, ma nel mondo dello scibile sono attratta soprattutto dalla letteratura e dalla filosofia medievale. O almeno per ora.