0
Posted venerdì, 29 dicembre 2017 by Roberto Russo in Zibaldone
 
 

Frasi di San Valentino di papa Francesco

Frasi di San Valentino di papa Francesco
Frasi di San Valentino di papa Francesco

Le frasi di San Valentino di papa Francesco possono essere un’ottima occasione per riflettere sulla festa degli innamorati. Naturalmente papa Francesco parla dal punto di vista della chiesa cattolica, ma diverse sue frasi possono essere adatte a tutte le persone, indipendentemente dal loro credo religioso.

In diverse occasioni papa Francesco ha avuto modo di parlare degli innamorati e, tra queste, ricordiamo un’udienza per i fidanzati che si è tenuta in piazza san Pietro proprio in occasione della festa di San Valentino.

Dai vari discorsi di papa Francesco abbiamo estratto quelle che, secondo noi, sono le sue frasi più belle per san Valentino.

Le più belle frasi di San Valentino di papa Francesco

  • Bisogna lavorare sull’amore, bisogna camminare. L’alleanza dell’amore dell’uomo e della donna si impara e si affina.
  • Bisogna sapersi dire grazie, per andare avanti bene insieme.
  • Chi ama capisce che l’amore è esperienza di verità, che esso stesso apre i nostri occhi per vedere tutta la realtà in modo nuovo, in unione con la persona amata.
  • Chiedete a Gesù di moltiplicare il vostro amore.
  • Cosa intendiamo per «amore»? Solo un sentimento, uno stato psicofisico? Certo, se è questo, non si può costruirci sopra qualcosa di solido. Ma se invece l’amore è una relazione, allora è una realtà che cresce, e possiamo anche dire a modo di esempio che si costruisce come una casa. E la casa si costruisce assieme, non da soli! Costruire qui significa favorire e aiutare la crescita.
  • Dio ci ama. Scopriamo la bellezza dell’amare e del sentirsi amati.
  • È importante chiedersi se è possibile amarsi «per sempre». Questa è una domanda che dobbiamo fare: è possibile amarsi «per sempre»? Oggi tante persone hanno paura di fare scelte definitive. Non dobbiamo lasciarci vincere dalla «cultura del provvisorio»!
  • Fare di due vite una vita sola è quasi un miracolo: un miracolo della libertà e del cuore, affidato alla fede.
  • Fate in modo che, come il vino di Cana, i segni esteriori della vostra festa rivelino la presenza del Signore e ricordino a voi e a tutti l’origine e il motivo della vostra gioia.
  • Il «per sempre» non è solo una questione di durata! È importante la qualità. Stare insieme e sapersi amare per sempre è la sfida dei cristiani.
  • L’alleanza d’amore tra l’uomo e la donna, alleanza per la vita, non si improvvisa, non si fa da un giorno all’altro.
  • L’amore quotidiano è il pane, il vero pane dell’anima, quello che sostiene per andare avanti.
  • Mai finire la giornata senza fare la pace! Mai, mai, mai! Questo è un segreto per conservare l’amore e per fare la pace. Mai finire la giornata senza fare la pace!
  • Nella preghiera del Padre Nostro noi diciamo: «Dacci oggi il nostro pane quotidiano». Coloro che si amano possono imparare a pregare anche così: «Signore, dacci oggi il nostro amore quotidiano».
  • Nella vostra relazione è importante tenere viva la coscienza che l’altra persona è un dono di Dio, e ai doni di Dio si dice grazie! E in questo atteggiamento interiore dirsi grazie a vicenda, per ogni cosa.
  • Non esiste l’amore a puntate, l’amore a porzioni. L’amore è totale e quando si ama, si ama fino all’estremo.
  • Se l’amore ha bisogno della verità, anche la verità ha bisogno dell’amore. Amore e verità non si possono separare.
  • Solo l’amore riempie i vuoti, le voragini negative che il male apre nei cuori.
  • Vivere insieme è un’arte, un cammino paziente, bello e affascinante. Non finisce quando vi siete conquistati l’un l’altro… Anzi, è proprio allora che inizia!

Frasi di San Valentino di papa Francesco per fidanzati

  • Il fidanzamento – lo si sente nella parola – ha a che fare con la fiducia, la confidenza, l’affidabilità. La libertà del legame richiede una consapevole armonia della decisione, non solo una semplice intesa dell’attrazione o del sentimento, di un momento, di un tempo breve… richiede un cammino.
  • Il fidanzamento è il tempo nel quale i due sono chiamati a fare un bel lavoro sull’amore, un lavoro partecipe e condiviso, che va in profondità.
  • Impariamo a riconoscere i nostri errori e a chiedere scusa. «Scusa se oggi ho alzato la voce»; «scusa se sono passato senza salutare»; «scusa se ho fatto tardi», «se questa settimana sono stato così silenzioso», «se ho parlato troppo senza ascoltare mai»; «scusa mi sono dimenticato»; «scusa ero arrabbiato e me la sono presa con te»… Tanti «scusa» al giorno noi possiamo dire. Anche così cresce una famiglia cristiana.
  • La cortesia conserva l’amore. E oggi nelle nostre famiglie, nel nostro mondo, spesso violento e arrogante, c’è bisogno di molta più cortesia. E questo può incominciare a casa.
  • Molte coppie stanno insieme tanto tempo, magari anche nell’intimità, a volte convivendo, ma non si conoscono veramente. Sembra strano, ma l’esperienza dimostra che è così. Per questo va rivalutato il fidanzamento come tempo di conoscenza reciproca e di condivisione di un progetto.
  • Non c’è speranza per la fiducia e la fedeltà del dono di sé, se prevale l’abitudine a consumare l’amore come una specie di «integratore» del benessere psico-fisico. L’amore non è questo! Il fidanzamento mette a fuoco la volontà di custodire insieme qualcosa che mai dovrà essere comprato o venduto, tradito o abbandonato, per quanto allettante possa essere l’offerta.

Altre frasi di papa Francesco

Se il punto di vista di papa Francesco ti può interessare, qui su GraphoMania trovi diverse sue frasi per vari aspetti della vita:

Foto | Casa Rosada (Argentina Presidency of the Nation) [CC BY-SA 2.0], attraverso Wikimedia Commons




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.