Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


Peppa Pig di Francesco Mangiapane e la torta glassata di mele

 
Peppa Pig di Francesco Mangiapane e la torta glassata di mele
Peppa Pig di Francesco Mangiapane e la torta glassata di mele
Peppa Pig di Francesco Mangiapane e la torta glassata di mele

 
Scheda
 

Autore: Francesco Mangiapane
 
Titolo: Peppa pig
 
Nome piatto: Torta glassata di mele
 
Portata:
 
Difficoltà
 
 
 
 
 
3/5


 

Il perché dell'abbinamento


Ebbene, nel libro di cui vi scrivo oggi si parla anche della serie dei Barbapapà e non vi nascondo che ho fatto un tuffo nel passato e mi sono rivista piccina, davanti alla tv a casa dei nonni mentre faccio merenda. E abbino qui la ricetta della torta di mele che spesso preparava mia nonna, ma l’ho rivisitata per proporvi una versione mia.


In sintesi

Peppa Pig è un cartoon celeberrimo che presenta varie chiavi di lettura, come spiega Francesco Mangiapane nel suo studio. Lo abbiniamo a una torta di mele.

0
pubblicatogiovedì, 29 gennaio 2015 da

 
La nostra biblioricetta
 
 

Francesco Mangiapane, Peppa PigSiamo nel 2015 e mi chiedo se esista qualcuno che ai giorni nostri non abbia ancora sentito parlare del fenomeno Peppa Pig. Si tratta di un cartone animato per la prima infanzia, trasmesso a ripetizione sulle reti Rai per i piccini, che è uscito ben oltre lo schermo, arrivando al supermercato, a scuola, nel settore dell’abbigliamento, sui prodotti scolastici.

Ma al di là del comprensibile fenomeno di merchandising che ha più o meno interessato tante serie a cartoni animati, quello di Peppa Pig va un po’ oltre i canonici schemi grafici, comunicativi, sociali, sociologici, familiari e chi ce li racconta è uno studioso di semiotica, il palermitano (padre di due figli) Francesco Mangiapane.

Oltre la normale programmazione quotidiana per l’intrattenimento dei piccini, Peppa Pig vuole dirci altro, o forse, vuole dircelo in maniera diversa rispetto agli stili convenzionali utilizzati dalle serie a cartoni animati. E nell’era dell’alta tecnologia, grafica ma non solo, Peppa Pig ha un tratto elementare ed è anche bidimensionale. Ricorda quasi lo stile di Picasso se vogliamo.

Racconta episodi di vita quotidiana, vissuti da una famiglia media di maiali (in un contesto animalesco in cui esistono anche le famiglie di conigli, cani, tutti allegri concittadini e che guidano le auto!). Come sottolinea l’autore c’è un racconto della diversità nel quotidiano, vissuta con estrema normalità.

E oltre a queste importanti osservazioni ce ne sono a decine all’interno di questo interessante eBook, che contiene anche un confronto con altre serie televisive per i più piccoli, sia contemporanee che, come le chiama lui, vintage! Ed è agganciandomi al concetto di vintage, che ho scelto la ricetta da abbinare.

La torta glassata di mele

Gli ingredienti per la torta glassata di mele sono i seguenti:

  • 250 g di farina di farro
  • 70 g di zucchero integrale di canna + qualche cucchiaiata per la glassa
  • 50 g di burro biologico morbido
  • 6-8 g di cremor tartaro
  • 100 ml circa di latte
  • 2 mele sbucciate e tagliate a fettine
  • 1 cucchiaio di marmellata di arance biologiche

La ricetta della torta glassata di mele

Peppa Pig di Francesco Mangiapane e la torta glassata di mele

Lavoriamo in una ciotola, con uno sbattitore elettrico zucchero, burro e marmellata. Quando avremo ottenuto una crema soffice e omogenea aggiungiamo la farina e il nostro impasto si indurirà. Ammorbidiamolo con il latte di soia e mescoliamo. Appena l’impasto sarà morbido aggiungiamo il cremor tartaro e mescoliamo ancora.

Adesso imburriamo e infariniamo una teglia con cerniera (io ne ho usata una con 18 cm di diametro) e versiamo l’impasto, livellandolo con una spatola magari in silicone. Poi aggiungiamo le fettine di mele nel senso verticale, incastonandole nell’impasto.

Spolveriamo la superficie con altro zucchero di canna e poi inforniamo a 180° per 30 minuti circa, controllando di tanto in tanto e finché non sarà dorata la superficie della torta.

Quindi sforniamo, lasciamo intiepidire prima di togliere dallo stampo, tagliamo a fette e serviamo.

E adesso, andate su Youtube, cercate una puntata qualsiasi dei Barbapapà e mangiate la torta immaginando di essere negli anni ‘80!




Chiara Chiaramonte

 
Laureata in Tecnica Pubblicitaria, ciclista urbana, appassionata di tango argentino, e vegetariana da 14 anni, ha da sempre amato leggere, cucinare e sperimentare in cucina. Da questa passione oltre due anni fa è nato il suo blog – www.chiaracucina.it – sul quale pubblica una ricetta vegetariana al giorno, ed un anno fa ha pubblicato con Navarra Editore il libro: “ChiaraCucina. La cucina vegetariana, rapida, economica, ecologica” distribuito a livello nazionale, che ha presentato in giro per l'Italia e sta per andare in ristampa.








Potrebbe interessarti anche…

0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)