Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


Io prima di te, il film tratto dal libro di Jojo Moyes

 

 
Scheda del film
 

Titolo: Io prima di te
 
Regista: Thea Sharrock
 
Attori e attrici principali: Emilia Clarke, Sam Claflin, Jenna Coleman, Charles Dance, Matthew Lewis, Janet McTeer, Vanessa Kirby, Brendan Coyle, Steve Peacocke
 
Anno: 2016
 
Paese: USA
 
Durata: 110 minuti
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
3.5/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


Ottimi attori e la regia «legge» correttamente il romanzo. Non lo rovina.

Aspetti negativi


Unica pecca, forse la protagonista è rappresentata troppo come un bon bon. Nel libro la sua vita è meno semplice.


In sintesi

Dal romanzo al film: «Io prima di te» è il film tratto dall’omonimo romanzo bestseller di Jojo Moyes. Un film che interpreta bene il romanzo, secondo noi.

0
pubblicatolunedì, 29 agosto 2016 da

 
La nostra recensione
 
 
io prima di te film

Una scena del film «Io prima di te»

Avevo detto a me stessa che mai e poi mai avrei guardato il film tratto dal romanzo Io prima di te, della scrittrice Jojo Moyes. Invece, attratta dal viso di Emilia Clarke, dall’idea di vedere Neville cresciuto (l’attore che interpreta il personaggio potteriano è qui il suo fidanzato) e dalla presenza di Matthew Lewis, che ho conosciuto e apprezzato in Downton Abbey, ho ceduto.

Se non avete letto il romanzo, ecco in breve e senza spoiler la trama: Louisa è una giovane donna inglese che vive con una famiglia rumorosa e invadente, piena di aspettative su di lei. Il suo stipendio è fondamentale per tirare avanti, specialmente dopo che il padre ha perso il lavoro. Accetta così di fare da assistente a Will, un giovane che, a causa di un incidente, è diventato tetraplegico. I due riusciranno, dopo i primi momenti di diffidenza, a compensarsi nel carattere, a diventare amici, persino a innamorarsi. Will ha però preso una decisione da cui non intende tornare indietro.

Le nostre impressioni sul film «Io prima di te»

Il film lima molte parti del romanzo e fin qui tutto normale. L’aver alleggerito il personaggio di Louisa, aiuta sicuramente lo spettatore a non precipitare in quello sconforto che prende invece il lettore. Per questioni di spazio e di tempo, infatti, non ci viene fatto vedere quanto sia complicata la vita di Lou in famiglia, quanto i suoi parenti siano invadenti e impegnati a svalutarla tra una battuta e l’altra.

Dispiace però che la protagonista si sia trasformata in una ragazza dolce, allegra, simpatica e coloratissima che sembra non aver mai superato l’adolescenza. In questo caso semplificando hanno tolto spessore al personaggio. Spessore che un’irriconoscibile Emilia Clarke le regala grazie alla sua interpretazione.

Se vi sembra di averla già vista da qualche parte, ma non ricordate dove, provate a immaginarla bionda e con l’espressione un po’ più statica. Già, la dolce e piena di sopracciglia Lou, altri non è che Daenerys Targaryen de Il trono di spade. Sorprendente, no? Nonché prova del talento dell’attrice, che qui invece si lascia andare a tutt’altro genere di espressività.

Il mio giudizio sul film è tutto sommato buono: ottima la prova degli attori, la regia e la sceneggiatura non  sono banali. Negli Stati Uniti la risposta del pubblico è stata positiva (ci sarebbe da dire ovviamente, visto il successo del libro, ma in realtà è dovuta al buon adattamento cinematografico).

Se avete pianto leggendo il romanzo, vi lascio immaginare il fiume di lacrime che verserete al cinema. Non che sia necessariamente una brutta cosa, anzi, in questo caso la scrittrice aiuta i lettori e le lettrici a non avere una visione irrealistica della vita di un tetraplegico.

Naturalmente, non potrete fare a meno di mettere in parallelo questa storia con quella strepitosa di Quasi amici, che racconta la storia vera di Philippe Pozzo di Borgo e del suo badante Yasmin Abdel Sellou, interpretati magistralmente da François Cluzet e Omar Sy.

Io vi suggerisco di guardare entrambi i film perché propongono un finale completamente diverso, in due simili situazioni. A volte si può imparare molto su di una situazione difficile anche con un sorriso sulle labbra e con una storia romantica e divertente.

Foto | WikiCommons




Mariantonietta Barbara

 
Autrice per il web, scrittrice, editor. Ha collaborato con diverse testate nazionali di nanopublishing. Si è occupata di blogging e web strategy per piccole aziende. Leggere, scrivere e perdersi nelle serie tv sono le sue grandi passioni.








Potrebbe interessarti anche…

0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)