Un articolo a caso


Bijou: Patrick Modiano alla ricerca della figura materna

 
Patrick Modiano, Bijou
Patrick Modiano, Bijou
Patrick Modiano, Bijou

 
Scheda del libro
 

Autore: Patrick Modiano (traduzione di Irene Babboni)
 
Titolo: Bijou
 
Casa editrice: Einaudi
 
Anno: 2005
 
ISBN: 978-88-06-22600-8
 
Pagine: 125
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
1 Totale dei voti

 

Aspetti positivi


Interessante la costruzione di un'intera storia a partire solo da una impressione, quel “cappotto giallo” che indossa la presunta madre di Bijou.

Aspetti negativi


Modiano ha dichiarato di aver l'impressione di scrivere sempre lo stesso libro: alcuni temi ricorrenti delle sue opere possono annoiare un po' nella lettura.


In sintesi

Bijou è un romanzo di Patrick Modiano, Nobel per la letteratura 2014, che si muove tutto intorno a un presunto riconoscimento di una donna.

0
pubblicatomartedì, 17 marzo 2015 da

 
La nostra recensione
 
 

Patrick Modiano, BijouNel romanzo Bijou, Patrick Modiano racconta di un incontro fortuito che la petit Bijou (titolo originale dell’opera), ora cresciuta, fa in una stazione della metropolitana: una donna, con un cappotto giallo, che somiglia molto a sua madre, che la protagonista del romanzo non vede da quando è piccola. Inizia così un pedinamento che porterà Bijou (anche se ormai più nessuno la chiama così) a cercare di scoprire qualcosa di più su quella donna e, soprattutto, a provare a comprendere il perché l’abbia abbandonata da piccola. L’incontro desta non poco stupore nella donna a cui era stato detto che sua madre era morta da tempo in Marocco. In un andirivieni di emozioni e di ricordi (“Avevo un bello scavare nella memoria”), Patrick Modiano ci conduce nella vita intima del suo personaggio, ci fa entrare in casa sua e, soprattutto, spalanca dinanzi a noi lettori e lettrici il dramma interiore di una donna che da piccola è stata abbandonata dalla madre, che non ha mai conosciuto il padre e che sembra all’oscuro – lei, sola fra tutte – di quanto sia effettivamente successo. “Ho provato la sensazione non tanto di aver salito con fatica una scala – afferma la protagonista del romanzo – quanto piuttosto di essere scesa al fondo di un pozzo”.

Tramite il ricorso ad alcuni personaggi (la bambina di cui Bijou si prende cura, il cane sparito all’improvviso, la farmacista, lo stenografo Moreau-Badmev), Modiano ci mostra la storia di Bijou da diversi punti di vista: e così noi possiamo farci un’idea di quanto accaduto, pur non avendone la certezza. Perché, alla fine, questo romanzo di Patrick Modiano, al pari di molti suoi altri testi, ha i bordi indefiniti e lascia aperte diverse possibilità.

Bijou è un romanzo che si inserisce perfettamente nell’opera del Nobel per la letteratura 2014 (del resto, egli stesso ha affermato di avere l’impressione di scrivere sempre lo stesso libro) e, al pari degli altri suoi romanzi, ha il fascino della ricerca minuziosa, del seguire il filo dei ricordi che si perdono per cercare di riannodare la vita, propria e degli altri. Un racconto in continuo divenire, un po’ come vivere nei pressi di una stazione:

Abitare vicino a una stazione cambia completamente la vita. Si ha l’impressione di essere di passaggio. Un giorno o l’altro di può salire su un treno.

Tutto il racconto di Bijou parte da un dettaglio notato tra la folla: una donna con un cappotto giallo. Chissà perché Einaudi ha scelto di mettere sulla copertina, invece, una foto di Chico Bialas (dal titolo Clignancourt 1997) che immortala una donna con giacchetto rosso.




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)