Un articolo a caso


La ragazza scomparsa, di Angela Marsons

 
Angela Marsons, La ragazza scomparsa
Angela Marsons, La ragazza scomparsa
Angela Marsons, La ragazza scomparsa

 
Scheda del libro
 

Autore: Angela Marsons (traduzione di E. Farsetti e R. Moro)
 
Titolo: La ragazza scomparsa
 
Casa editrice: Netwon Comtpon
 
Anno: 2017
 
ISBN: 9788822707758
 
Pagine: 382
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


Un buon thriller dal ritmo serrato; una storia raccontata con l’ausilio di approfondimenti psicologici, in cui non possono mancare scheletri nell’armadio e colpi di scena. La scelta di due bambine come vittime della crudeltà degli adulti, intensifica il coinvolgimento del lettore.

Aspetti negativi


Forse può risultare stancante avere a che fare con un thriller che dà vita all’ennesima serie: il detective con problemi esistenziali, la sua squadra, le dinamiche all’interno di essa, lo scontro tra bene e male. Tuttavia non ci sentiamo di penalizzare la Marsons, capace comunque di conquistare i lettori.


In sintesi

Il bene e il male tra la fuliggine di Black Country: Angela Marsons, nel suo thriller con la detective Kim Stone, ci racconta de «La ragazza scomparsa».

0
pubblicatomartedì, 24 ottobre 2017 da

 
La nostra recensione
 
 
Angela Marsons, La ragazza scomparsa

Angela Marsons, La ragazza scomparsa

Angela Marsons, dopo i due precedenti successi letterari, ci presenta una nuova storia dal titolo La ragazza scomparsa, riportando in scena la detective Kim Stone e la sua squadra. L’autrice, che vive e ambienta i suoi romanzi tra la fuliggine del Black Country inglese, ha già venduto più di due milioni di copie ed ha esordito con Urla nel silenzio, best seller internazionale, seguito da Il gioco del male.

Due compagne di gioco scomparse nel nulla

In questa nuova vicenda, si presenta alla nostra Kim un caso ancor più difficile e coinvolgente: il rapimento di due bambine di nove anni. Le due famiglie, unite da un’amicizia di vecchia data, sono sconvolte e la tensione inevitabilmente non facilita le cose. A peggiorarle c’è anche il fatto che i rapitori inviano messaggi che evidenziano crudeltà, e che li mostrano come possibili e spietati assassini. La ragazza scomparsa, avrà un lieto fine?

Tutta la squadra si muove in punta di piedi ma con grande determinazione, il ritmo è serrato e la psicologia dei personaggi coinvolti nel thriller è ben costruita.

Una detective finalmente più umana

A mio avviso, si nota un miglioramento rispetto ai romanzi precedenti, poiché il cliché dell’investigatrice caparbia ma devastata intimamente, a cavallo di una moto e scostante con i colleghi, qui è molto più umana e molto meno scontata. Si approfondisce la sua storia personale e la si ama di più proprio per questo. Le sue dolorose escursioni nel passato ci mostrano una umanità e delle debolezze apprezzabili, e grazie ad esse comprendiamo meglio anche il forte coinvolgimento con il caso delle due bambine scomparse.

I ricordi pericolosi come mine

Di certo, mettere in gioco il proprio equilibrio a fatica costruito negli anni a causa dei ricordi, può rivelarsi pericoloso…

«Avventurarsi nella sua mente era come giocare a saltare le mine. Se il gioco durava troppo a lungo, c’era il rischio di finire ridotta in poltiglia».

Apprezziamo anche un componente della squadra investigativa, Bryant, il quale rappresenta la parte razionale dell’istintiva Kim. Insieme si completano ed è lui a migliorare lei, stemperando un’indole a volte irruenta che non sempre può portare a qualcosa di buono.

La ragazza scomparsa o… le ragazze scomparse?

A proposito del titolo, quello originale è Lost girls, ovvero Le ragazze scomparse, e le bambine rapite sono due – Charlie e Amy – dunque verrebbe da domandarsi perché nella traduzione italiana si sia usato il singolare. In realtà, la Newton Compton non ha compiuto alcun errore e noi giustifichiamo la scelta per via di un colpo di scena che ovviamente non intendiamo svelare.

Le giuste informazioni in ognuno dei tre romanzi

La ragazza scomparsa, può essere letto anche se non si conoscono le due storie precedenti. Ha una propria storia che comincia e si conclude in quelle pagine, sebbene le tre pubblicazioni siano collegate tra loro proprio dal personaggio principale, Kim Stone. La bravura di Angela Marsons sta anche nella capacità di far conoscere la sua detective in ogni singolo romanzo, senza che il lettore sia privato delle giuste informazioni nel caso decida di leggerne uno a caso e non in ordine di pubblicazione.

Un buon thriller con tutti gli ingredienti al posto giusto, da gustare in pieno relax.




Susanna Trossero

 

Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)