Random Article


Lascia dire alle ombre, di Jess Kidd

 
Jess Kidd, Lascia dire alle ombre
Jess Kidd, Lascia dire alle ombre
Jess Kidd, Lascia dire alle ombre

 
Scheda del libro
 

Autore: Jess Kidd (traduzione di Sergio Claudio Perroni)
 
Titolo: Lascia dire alle ombre
 
Casa editrice: Bompiani
 
Anno: 2018
 
ISBN: 9788845293290
 
Pagine: 400
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 

Aspetti positivi


A metà tra un classico e una storia di fantasmi. Ironico, teso quanto basta, divertente.

Aspetti negativi


Passare continuamente da un personaggio all’altro a volte distrae.


In sintesi

«Lascia dire alle ombre» di Jess Kidd è un romanzo a metà tra un classico e una storia di fantasmi con una buona dose di ironia.

0
Postedmartedì, 27 marzo 2018 by

 
La nostra recensione
 
 
Jess Kidd, Lascia dire alle ombre

Jess Kidd, Lascia dire alle ombre

Lascia dire alle ombre, edito da Bompiani, è un romanzo per chi ama il brivido intelligente, condito con molto sense of humour.

Lascia dire alle ombre

Mahony, il giovane aitante protagonista narrato da Jess Kidd, è cresciuto in orfanotrofio e sta per lasciarsi alle spalle i ricordi di un’infanzia difficile quando una fotografia lo spinge a tornare nel paese che sembra avergli dato i natali: Mulderigg.

Qui un manipolo di abitanti gli fornisce racconti parziali e contraddittori sulla sua giovane madre Orla, che tutti dicono essere fuggita chissà dove. Mahony, che ha l’aria del giovane irriverente, cresciuto a Dublino, conduce le sue indagini con aria rilassata e noncurante, nascondendo il suo acume e un dono particolare.

Solo parlando con la caustica e divertentissima signora Cauley si metterà a nudo svelando il suo segreto: Maohny può parlare con i morti. Lei è l’unica interlocutrice che può capirlo, anche perché dotata lei stessa di caratteristiche non comune, tra cui quella di interagire fisicamente con i libri:

I libri, i giornali, le riviste: stanno tutti vibrando con una sorta di flebile pulsazione. È come se lo guardassero trattenendo il fiato. Mahony ha un’improvvisa voglia di urlare, per la pressione di tutte quelle parole in attesa.

È grazie a lei, alla sua irriverenza, alla guerra che conduce da anni con il severo e antipatico padre Quinn e con quasi tutta la comunità che Mahony potrà risolvere il mistero e svelare le colpe degli abitanti di Mulderigg.

Una storia perfetta

Jess Kidd è un’autrice che sa il fatto suo: nel suo romanzo si mescolano indagini, un po’ di horror story e molta ironia. Il protagonista non si staglia da solo contro lo sfondo perché lo sfondo stesso (la città, i suoi abitanti) sono co-protagonisti. La Kidd si diverte a descriverne le caratteristiche:

Bridget Doosey sa sempre qualcosa che non vuole dire. Quella lì è così profonda da far sembrare superficiale un pozzo.

Così come ama, si vede chiaramente, la vecchia consumata attrice, Mrs Cauley, che di pagina in pagina emerge prepotentemente dal mucchio e si candida a scalzare Mahoney dal suo ruolo.

Il romanzo è una sorta di visione macabra di Spoon River Antology: ogni morto che il protagonista incontra ha da raccontare una storia e ogni storia si lega a quelle degli altri, vivi o morti che siano. Il racconto, di sé, del prossimo, il potere delle parole sono temi centrali in Lascia dire alle ombre:

Le parole sono capaci di volare. Sfrecciano fuori da finestre, oltre staccionate, in mezzo a sgabelli di pub e attraverso cortili. Viaggiano rapidamente di bocca in orecchio, di orecchio in bocca. E, strada facendo, aumentano di velocità, peso, consistenza e gravità. Per poi atterrare con uno spruzzo di fango, mettere radici e crescere fulminee come la gramigna più sfrenata.

Una storia perfetta per trascorrere molte serate in compagnia, interrogandosi, subito dopo, quasi inevitabilmente, sulle storie che nascondono i nostri vicini.




Mariantonietta Barbara

 
Autrice per il web, scrittrice, editor. Ha collaborato con diverse testate nazionali di nanopublishing. Si è occupata di blogging e web strategy per piccole aziende. Leggere, scrivere e perdersi nelle serie tv sono le sue grandi passioni.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)