Un articolo a caso


Le ferite originali, di Eleonora C. Caruso

 
Eleonora C. Caruso, Le ferite originali
Eleonora C. Caruso, Le ferite originali
Eleonora C. Caruso, Le ferite originali

 
Scheda del libro
 

Autore: Eleonora C. Caruso
 
Titolo: Le ferite originali
 
Casa editrice: Mondadori
 
Anno: 2018
 
ISBN: 9788804685555
 
Pagine: 352
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
3/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


L’amore rivela qui la sua natura fluida e complessa, il suo ruolo universale, senza barriere di genere. Senza giusto o sbagliato.

Aspetti negativi


Una certa crudezza ammantata o mascherata di modernità. Dettagli (qui e là) da verismo dell’ultima ora.


In sintesi

«Le ferite originali» è il titolo di un romanzo di Eleonora C. Caruso, che parla di amore senza distinzioni, ma cade in qualche luogo comune.

0
pubblicatovenerdì, 2 febbraio 2018 da

 
La nostra recensione
 
 
Eleonora C. Caruso, Le ferite originali

Eleonora C. Caruso, Le ferite originali

Si sa: vi sono romanzi che più di tanti altri sono, in modo inconfondibile, figli dei propri tempi. Una firma di modernità, chiamiamola pure così, che sigilla e suggella storia e linguaggio, ambientazioni e personalità.

Le ferite originali

Le ferite originali, nuova opera di Eleonora C. Caruso (l’editore è nientemeno che Mondadori), ci appare fin dalle prime righe e senza ombra di dubbio (perdonateci questa sicumera) come il fedelissimo specchio di un’epoca vistosamente incrinata, di sentimenti che, pur disperatamente assoluti, sembrano condurre i protagonisti in un labirinto circolare, al centro del quale vive e batte il cuore mosso e doloroso di Christian, ex modello dal fascino marcatamente irresistibile. Il magnetismo (impossibile sottacerlo) pressoché incalcolabile.

Tutti, infatti, gli soccombono, uomini e donne, tracciando via via sotto il nostro sguardo un percorso accidentato e tutto in salita, dove ognuno sembra rivelare un paesaggio interiore di fonde piaghe; piaghe che in un modo o nell’altro non hanno mai smesso di suppurare. Di inquinare l’esistenza. Di oscurare la luce.

Nella Milano in forte chiaroscuro dell’Expo, le vite di Dafne, laureanda (o quasi) in medicina, di Davide, timido studente del Politecnico e di Dante, tracotante uomo d’affari, si sfiorano, si toccano e si intersecano proprio in Christian, in questo grande incantatore dalla personalità divisa, il furore inestinguibile, la ferita incommensurabilmente più grande.

Qualcosa non convince

Le ferite originali è un intreccio a tinte acute a cui tuttavia non mancano neppure (e questo ci dispiace) i luoghi comuni dell’oggi, le studiate frasi d’effetto che, a tratti, ci appaiono quasi rubate agli involucri dei cioccolatini oppure, se preferite, a certi stringati compendi sui Massimi sistemi (e chi vuole intendere, naturalmente intenda).




Giorgio Podestà

 
Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon).


0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)