Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


L’imperfetta meraviglia, di Andrea De Carlo

 
Andrea De Carlo, L'imperfetta meraviglia
Andrea De Carlo, L'imperfetta meraviglia
Andrea De Carlo, L'imperfetta meraviglia

 
Scheda del libro
 

Autore: Andrea De Carlo
 
Titolo: L'imperfetta meraviglia
 
Casa editrice: Giunti
 
Anno: 2016
 
ISBN: 978-88-09-83444-6
 
Pagine: 366
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


Una storia coinvolgente che si legge con piacere.

Aspetti negativi


A volte le riflessioni sono molto lunghe e possono far perdere il filo della storia.


In sintesi

Con «L’imperfetta meraviglia» (Giunti) Andrea De Carlo racconta della necessità di seguire i propri sogni, andando anche controcorrente.

2
pubblicatomercoledì, 5 ottobre 2016 da

 
La nostra recensione
 
 
Andrea De Carlo, L'imperfetta meraviglia

Andrea De Carlo, L’imperfetta meraviglia

Milena Migliari e Nick Cruickshank sono i protagonisti del romanzo L’imperfetta meraviglia di Andrea De Carlo, in libreria per Giunti. La prima è una gelataia italiana che vive in Provenza con la sua compagna, una fisioterapista. Insieme stanno seguendo l’iter per avere un figlio o una figlia. Nick Cruickshank è il frontman dei Bebonkers, celebre gruppo musicale inglese che resiste alle mode, nonostante il passare del tempo. Anche Nick si trova in Provenza, nella sua villa, con la fidanzata Aileen, rampante donna in carriera, che sta organizzando un mega concerto di beneficenza dei Bebonkers. Il concerto si svolgerà il giorno dopo il matrimonio tra Aileen e Nick.

Milena è innamorata del proprio lavoro, così come Nick del suo. A entrambi piacciono le mille sfumature che spesso non si riescono a dire a parole. Un buon gelato, per esempio, realizzato con materie prime freschissime e lavorato con tanta passione da portare quasi all’ossessione. O una canzone che non sia proprio nel solco dei Bebonkers ma che riesca a trasmettere, in maniera nuova e profonda, quello che vibra nel cuore di chi l’ha composta.

L’imperfetta meraviglia è il titolo del romanzo di Andrea De Carlo, ma è anche il nome della gelateria di Milena (La Merveille Imparfaite). E potrebbe benissimo essere il titolo di una delle canzoni di Nick. Perché, alla fine, il romanzo di De Carlo va ben al di là della storia che racconta (due persone che si incontrano e percorrono un pezzo di strada insieme, pur se il finale non dice se si tratta di pochi passi o di molti chilometri). È quasi un universale nel narrare l’incontro di due singolarità che, per mezzo del gelato – simbolo delle passioni e delle speranze che ognuno di noi si porta dentro –, si ritrovano.

«La vita è troppo breve per sprecarla a realizzare i sogni altrui», scrive Milena in uno dei «bigliettini della fortuna» che ama allegare alle vaschette di gelato. Lo stesso biglietto che trova Nick nel gelato (che lui mangia direttamente dalla vaschetta e per le spiegazioni sul significato di questo gesto, dovete leggere il libro!). Questa è, in fin dei conti, la storia raccontata da Andrea De Carlo, intervallata da tante riflessioni dei protagonisti e spiegazioni dell’autore (bella quella su come si fa il vero gelato fiordilatte): un invito a essere se stessi per vivere pienamente quel momento di perfezione che a volte dura un solo secondo. Ma è pur sempre perfezione.




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.








Potrebbe interessarti anche…

  1.  
    white

    Concordo col blog, riflessioni molto lunghe.
    Aggiungerei anche che il finale mi ha lasciato troppo sospesa la mente.
    Lungo tutto il libro ti domandi: il rocker si sposerà? Milena tenterà di avere un bambino?
    Finisce il libro e boh… Ok sarà voluto ma mi sarebbe piaciuto un finale, non importa se bello o brutto, ma più definito. In sostanza funzioneranno le “fiamme gemelle” ??




  2.  
    Cinzia Abbiati

    Fedele lettrice di De Carlo attendevo con curiosità l’ultima opera. Praticamente mi sono ritrovata la replica del penultimo libro. L’impressione è che si attenga a un format che commercialmente funziona: un’ambientazione in posti evocativi, una coppia stabile, dove è sempre la donna a cogliere l’opportunità di un destino generoso che le fa incontrare l’anima gemella… e un lieto fine. Una trama deludente per uno stile dove gli interrogativi diventano elementi ingombranti: il lettore non ne può più di uscire dal vortice di domande, la pagina è riempita di dubbi, pensieri, paure che trasmettono irritazione… O almeno a me, che adoravo il De Carlo degli esordi, con le periferie milanesi opprimenti, questo libro ha davvero annoiato.





Di' la tua!


(richiesto)