Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


Maltempo, il nuovo romanzo di Mariolina Venezia

 
Mariolina Venezia, Maltempo
Mariolina Venezia, Maltempo
Mariolina Venezia, Maltempo

 
Scheda del libro
 

Autore: Mariolina Venezia
 
Titolo: Maltempo
 
Casa editrice: Einaudi
 
Anno: 2013
 
ISBN: 9788806206765
 
Pagine: 256
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
5 Voti totali

 

Aspetti positivi


La protagonista del romanzo è simpaticissima, l’autrice è molto brava nel far emergere il personaggio a tutto tondo in maniera spontanea. Il panorama della Basilicata è narrato in modo poetico ma assolutamente attuale.

Aspetti negativi


L’elemento giallo, la suspense è un po’ debole e si perde nell’ambientazione e nella psicologia dei vari personaggi.


In sintesi

“Maltempo” è il nuovo romanzo di Mariolina Venezia: un giallo ambientato nelle zone dii “Mille anni che sto qui”, con cui ha vinto il Campiello nel 2007.

4
pubblicatovenerdì, 12 aprile 2013 da

 
La nostra recensione
 
 

Mariolina Venezia, MaltempoUna primavera così piovosa da rasentare l’incubo, una situazione politica intricata e piena di interrogativi: sembrerebbe la descrizione perfetta della nostra attualità, invece è la cornice in cui si svolge il nuovo romanzo di Mariolina Venezia, Maltempo (Einaudi, in uscita domani, 13 aprile) un giallo che si svolge in Basilicata, nello stesso territorio di Mille anni che sto qui, la saga familiare con la quale l’autrice si è aggiudicata il Campiello nel 2007. La storia di Maltempo però si svolge tutta ai giorni nostri, anzi qualche anno fa, durante la campagna elettorale per le elezioni regionali in Basilicata. E come da copione, durante queste fasi politiche si fanno tante promesse, si raccontano bugie e si omettono verità scottanti e per occultare tutto si combinano disastri.

Questo succede nel romanzo che racconta di un’indagine per omicidio condotta da un Pubblico Ministero di Matera, una certa Imma Tataranni, indimenticata protagonista di Come pietre fra i sassi, uscito nel 2009. Tutto il libro ruota attorno alla peculiarità di questa investigatrice: una donna volitiva e originale, che si è fatta da sola. È intollerante all’ipocrisia, ligia al dovere, si agghinda in maniera improbabile e ha anche un sogno proibitissimo su un appuntato che lavora con lei. Ma soprattutto nelle indagini segue schemi di pensiero molto personali, intuitivi, femminili.

Per esperienza, quando i fatti non quadravano, spesso la soluzione era in uno sguardo, in un sentimento più o meno irrazionale, in una modalità di pensiero. La variabile umana in parole povere. O forse si stava attaccando a qualunque cosa perché non riusciva a prendere una decisione.

Un escamotage obbligatorio perché la Tataranni, suo malgrado, è una donna multitasking: un Pubblico Ministero che deve anche fare la mamma e la moglie. Una che fa indagini ma anche la spesa, poi magari mentre fa sesso con il marito ripensa a un interrogatorio e alla domenica le tocca il pranzo con i parenti. Insomma diversissima dalla solita figura investigativa. Forse proprio per questo tutti la criticano, molti la invidiano e qualcuno la teme. Ma lei riesce a fregarsene e continua imperterrita, come un panzer, nelle indagini per scoprire chi ha fatto fuori una ragazza troppo bella e soprattutto troppo informata.

Un tempo c’erano le bruttine, le carine, le belle, le brutte, le bellissime e le bruttissime. Ora invece le ragazze, come le mele, si somigliano tutte: capelli tinti, naso regolare, labbra sporgenti, seno abbondante e fianco stretto, alcune perché dotate dalla natura, con giusto una spintarella degli ormoni assorbiti fin dagli omogeneizzati, altre perché intervenivano dove la natura e gli ormoni non arrivavano. E le irriducibili, le veniva il dubbio, per non sfigurare se ne stavano a casa.

È un colorito assaggio del modo di ragionare della Tataranni e in questo stile sta anche il valore di Maltempo, scritto in una modalità molto coinvolgente. Quasi visiva, per chi legge. L’autrice diventa cinica, irriverente e provocatoria come la sua protagonista. Traspare l’affetto per la sua regione (Mariolina Venezia è nata e cresciuta a Matera) ma anche la preoccupazione per la situazione ambientale e per la mancanza di prospettive per i giovani del luogo. La Basilicata di questo giallo è una terra dove convivono antiche credenze contadine ma si rispecchiano anche le ombre e gli umori del progresso incombente. E in mezzo a tutto questo, la dottoressa Tataranni ne esce così viva e simpatica che è quasi un dispiacere che non esista veramente.

Mariolina Venezia, Maltempo. Particolare della copertina

Mariolina Venezia
Maltempo
ISBN 9788806206765
pp 256, euro 17,50
disponibile anche in eBook: euro 9,99








Potrebbe interessarti anche…

Patrizia Violi

 
Patrizia Violi è laureata in giurisprudenza, vive a Milano dove fa la giornalista, occupandosi di attualità, psicologia e costume. È sposata e ha due figlie: dalla sua esperienza famigliare è nato il blog extramamma.net. Ha scritto il romanzo “Una mamma da URL” (Baldini & Castoldi). Per Emma Books ha pubblicato “Love.com” e “Affari d’amore”.


  1.  
    wood

    Lo sto leggendo in questi giorni! Trascinante! Ma molto diverso dal 1° suo libro “mille anni che sto qui ”
    Appena lo finisco vi dico!




  2.  
    patriziavioli

    Bene, spero che ti piaccia!




  3.  
    wood
     
     
     
     
     

    Ciao Patrizia! Finito ieri sera.
    Piacere mi è piaciuto. Mariolina ha una bella scrittura, ma a tratti, troppo complicata per un #giallo gia’ cosi’ sovraccarico di personaggi che ruotano attorno alla storia.
    La narrazione si dipanava veloce , ma ammetto che spesso mi sono persa tra le frasi che ad una prima lettura non mi erano chiare, troppo strutturate.





Di' la tua!


(richiesto)