Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


Nel segno dei padri, di Giacomo Marinelli Andreoli

 
Giacomo Marinelli Andreoli, Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter
Giacomo Marinelli Andreoli, Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter
Giacomo Marinelli Andreoli, Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

 
Scheda del libro
 

Autore: Giacomo Marinelli Andreoli
 
Titolo: Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter
 
Casa editrice: Marsilio
 
Anno: 2017
 
ISBN: 9788831726252
 
Pagine: 192
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4.5/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


Una storia particolare che meritava di essere raccontata e portata a conoscenza del grande pubblico (e l'autore la racconta molto bene).

Aspetti negativi


Avrei preferito che l'autore parlasse di sé in prima persona e non in terza, chiamandosi Giacomo come se fosse uno dei personaggi. Fin dalle prime pagine sappiamo che l'autore ha un ruolo in questa storia e la terza persona forse può confondere.


In sintesi

«Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter» è un libro di Giacomo Marinelli Andreoli che narra una storia che affonda nella II guerra mondiale.

0
pubblicatogiovedì, 9 febbraio 2017 da

 
La nostra recensione
 
 
Giacomo Marinelli Andreoli, Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Giacomo Marinelli Andreoli, Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Una storia minore, forse, rispetto alla grande Storia della seconda guerra mondiale e probabilmente proprio per questo più interessante. Giacomo Marinelli Andreoli in Nel segno dei padri racconta una triste vicenda avvenuta a Gubbio (Perugia) durante il secondo conflitto mondiale, ma il cuore del suo libro non è là, ma nell’incontro tra le persone.

L’antefatto è che il giorno 20 giugno 1944 a Gubbio Kurt Staudacher, medico tedesco, venne ucciso mentre si trovava in un bar. Per rappresaglia vennero giustiziati quaranta uomini della città, quelli che oggi sono conosciuti come i Quaranta martiri. Si trattò del fatto di sangue più grave di tutta l’Umbria nel periodo dell’occupazione. Una rappresaglia «caduta come un macigno sulla città umbra negli ultimi giorni di occupazione prima della ritirata a nord della Wehrmacht. Una strage scaturita proprio nelle ore in cui Perugia veniva liberata dagli Alleati». Questi sono i fatti, comuni, purtroppo, a molte altre zone d’Italia.

Gli anni passano, diventano decenni, e Peter figlio del medico tedesco decide di fare un viaggio in Italia. Passa per caso dalle parti di Gubbio e gli viene la curiosità di andare a vedere il luogo in cui suo padre è stato ucciso. Fino ad allora, sapeva solo che il suo genitore era stato ucciso in quella città. Nient’altro. Chiede qualche informazione, incuriosito dal nome della piazza («Quaranta martiri») che reca come data il 22, due giorni dopo la morte di suo padre. Va al cimitero, inizia a capire cosa accadde e poi si reca al Mausoleo. Lì gli è chiaro quanto accaduto. Sua moglie Ursula lo esorta a lasciare un messaggio sul registro dei visitatori. Racconta l’autore:

[Peter] si girò e fece per uscire, quando Ursula lo fermò. Lo trattenne per un braccio, e lo fissò: «Non possiamo andarcene…».
E tenendolo forte, quasi per trasmettergli quell’energia che sentiva addosso, gli disse, a voce bassa, ma inflessibile: «Non sapevamo nulla di tutto questo. Ma tu, qui, ora, non sei più un estraneo».
«Che vuoi dire!?» riuscì a bisbigliare, mantenendo un tono di voce timido, rispetto all’infinità che lo circondava.
«Devi lasciare un segno, qualcosa. Qualcosa di tuo» rispose Ursula. «Non possiamo andarcene così».

Ed è qui che entra in gioco Guglielmina Roncigli che a quel tempo era presidente dell’Associazione Famiglie dei Quaranta Martire (di cui era stata, tra l’altro, fondatrice). Vede la scritta sul registro e cerca di mettersi in contatto con Peter. Tramite una ricerca che smuove anche il Vaticano ottiene l’indirizzo e gli scrive. Guglielmina era figlia di Vittorio, uno dei Quaranta martiri. Come Peter aveva un anno quando suo padre venne ucciso per rappresaglia. Due destini separati, ma anche uniti in una maniera del tutto misteriosa.

Si incontrano, Guglielmina e Peter, dinanzi alla tomba di Kurt, traslata nel cimitero militare germanico di Pomezia. Poche parole, dovute anche alle difficoltà linguistiche, ma l’inizio di un nuovo cammino. Quello di una pacificazione interiore che entrambi cercavano. Non dovevano certo perdonarsi, loro, o chiedere perdono. Del resto, erano innocenti vittime di quanto successe in quel lontano giugno 1944. Eppure l’anelito a fare qualcosa, a porre, in un certo senso, la parola fine a quanto accadde, era forte in loro.

Scriverà in seguito Peter a proposito di questo incontro:

Sopra la tomba di mio padre la foto ci mostra come due bambini persi, diventati vecchi, che si incontrano la prima volta dopo una lunga vita, passata separatamente, per riconciliarsi l’uno con l’altro. Pur non avendo commesso niente che meriti una riconciliazione.

Giacomo Marinelli Andreoli racconta la storia come una cronaca (è giornalista). Ma non una cronaca cruda: mette insieme gli elementi e, con tratto sapiente, li anticipa ma non li racconta. E così facendo cresce la tensione della narrazione e, con i due protagonisti, siamo raggiunti da tante emozioni.

La storia, vera, è venuta alla luce perché Guglielmina ne ha parlato con l’autore e poi, sul letto di morte (avvenuta per tumore il 5 febbraio 2012) gli ha lasciato le lettere che si era scambiata con Peter chiedendo che la storia di quell’incontro e di un sì insolito carteggio non andasse perduta. Una vicenda la cui memoria non è andata smarrita, anche grazie ai figli di Guglielmina, all’autore del libro e alla volontà dei protagonisti.

Una storia marginale, quella raccontata nel libro Nel segno dei padri, ma di fondamentale importanza. Anche ai nostri giorni in cui il muro contro muro è la norma. Guglielmina e Peter, invece, scelgono la strada del dialogo. E Giacomo Marinelli Andreoli racconta i loro passi nel libro Nel segno dei padri. Da leggere. In silenzio.








Potrebbe interessarti anche…

Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.


0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)