Un articolo a caso


Quasi per caso una donna, di Dario Fo

 
Dario Fo, Quasi per caso una donna. Cristina di Svezia
Dario Fo, Quasi per caso una donna. Cristina di Svezia
Dario Fo, Quasi per caso una donna. Cristina di Svezia

 
Scheda del libro
 

Autore: Dario Fo
 
Titolo: Quasi per caso una donna. Cristina di Svezia
 
Casa editrice: Guanda
 
Anno: 2017
 
ISBN: 9788823516663
 
Pagine: 160
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


La capacità di sintetizzare diverse fonti e il dinamismo nel presentare la figura di Cristina di Svezia.

Aspetti negativi


A volte le citazioni sono troppo lunghe e annoiano.


In sintesi

«Quasi per caso una donna» è il titolo del romanzo postumo di Dario Fo che studia la figura di Cristina di Svezia scrostandola dai luoghi comuni.

0
pubblicatolunedì, 9 gennaio 2017 da

 
La nostra recensione
 
 
Dario Fo, Quasi per caso una donna. Cristina di Svezia

Dario Fo, Quasi per caso una donna. Cristina di Svezia

A Cristina di Svezia è dedicato il libro postumo di Dario Fo uscito per Guanda. Titolo del testo è Quasi per caso una donna. Cristina di Svezia. Il titolo è presto spiegato. Scrive Dario Fo: «Alla sua nascita, le dame di corte che presenziarono al parto esplosero in un tripudio. “È maschio!”, gridò qualcuna di loro. “Evviva il re!” risposero le altre nobili dame. Ma era una notizia falsa. Di lì a poco apparve evidente che il neonato, nonostante la corporatura robusta e qualche tratto che poteva indurre in inganno, era una femmina, con una capigliatura subito folta, un viso dalla carnagione un po’ scura, sana e vivace». E poi, con uno dei suoi guizzi, continua: «Pare che invece di emettere il solito pianto dopo la sculacciata della levatrice, la bimba avesse fatto una sonora risata».

Naturalmente il testo parla della regina Cristina di Svezia, che regnò dal 1632 (anche se con pieni poteri sono dal 1650) per poi abdicare nel 1654, convertirsi al cattolicesimo e gettare le basi, a Roma, di quella che poi sarebbe diventata l’Accademia dell’Arcadia.

Dario Fo racconta la storia di Cristina di Svezia ma lo fa a modo suo, come già aveva fatto con Lucrezia Borgia nel libro La figlia del papa. Il compianto Nobel per la letteratura cerca di farsi strada tra i tanti documenti su Cristina di Svezia per portare alla luce la sua vera figura. Documenti da intendersi non solo come testi scritti, ma anche come quadri. Così Dario Fo scava tra le carte e traccia una nuova figura di donna e di regina che il passare dei secoli avevano alquanto nascosto. Del resto una donna che amava le donne (e con la stessa libertà gli uomini), che era diventata regina, che aveva scelto di non sposarsi, che poi rinuncia al trono per abbracciare la fede cattolica è senza dubbio oggetto di molte illazioni e falsità storiche che nel corso degli anni sono diventate, per molti, verità.

Per evidente interesse personale, Dario Fo si sofferma molto sull’amore per il teatro che Cristina di Svezia nutriva e per il grammelot e per quei «commedianti che recitavano a soggetto e riuscivano a farsi intendere fingendo di parlare tutte le lingue del creato, comprese quelle che, in verità, non esistevano». Del resto «il gusto per la commedia, affinato dagli studi e dalle buone letture, fu una costante nella vita di Cristina, mescolato alle tragedie che di certo non mancarono».

Una figura a tutto tondo quella raccontata da Dario Fo in Quasi per caso una donna. Senza dubbio una donna fuori dal comune e che i suoi contemporanei seppero apprezzare, tanto che «la sua bara fu calata nella fossa delle Grotte Vaticane, privilegio che la Chiesa nei secoli ha concesso solo ad altre due donne». Le tre donne sepolte nelle Grotte Vaticane sono Matilde di Canossa (1046-1115), Carlotta di Cipro (1444-1487) e, per l’appunto, Cristina di Svezia (1626-1689).




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.








Potrebbe interessarti anche…

0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)