Un articolo a caso


Quel che resta del giorno, di Kazuo Ishiguro

 
Kazuo Ishiguro, Quel che resta del giorno
Kazuo Ishiguro, Quel che resta del giorno
Kazuo Ishiguro, Quel che resta del giorno

 
Scheda del libro
 

Autore: Kazuo Ishiguro (traduzione di Maria Antonietta Saracino)
 
Titolo: Quel che resta del giorno
 
Casa editrice: Einaudi
 
Anno: 2016
 
ISBN: 9788806229900
 
Pagine: 276
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
5/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


Una scrittura garbata, una carrellata di ricordi che scorrono lentamente sulla strada di un viaggio interiore che percorriamo piacevolmente insieme al protagonista, domandandoci quanto ci sia anche nel nostro vissuto di… non vissuto fino in fondo.

Aspetti negativi


Ishiguro usa uno stile pacato, lento, mitigando stati d’animo che avremmo voluto avvertire con maggiore intensità. La narrazione può risultare a tratti densa di rallentamenti, e può impedire di comprendere che in quel niente che accade, in realtà tanto sta accadendo.


In sintesi

«Quel che resta del giorno» è, probabilmente, il romanzo più noto di Kazuo Ishiguro, da cui James Ivory ha tratto un film nel 1993.

0
pubblicatogiovedì, 9 novembre 2017 da

 
La nostra recensione
 
 
Kazuo Ishiguro, Quel che resta del giorno

Kazuo Ishiguro, Quel che resta del giorno

Quel che resta del giorno è un romanzo che non può mancare nella libreria di chi è in cerca di ragioni per ricominciare. Chissà se Kazuo Ishiguro ne era cosciente, quando nel 1989, lo consegnò ai suoi lettori per la prima volta! Pubblicato in Italia da Einaudi (prima edizione nel 1990), continua ad ammaliare per quella delicatezza di modi e intenti, per lo stile garbato, per la storia che induce alla riflessione e che il regista James Ivory ha trasformato in immagini nel film omonimo (1993).

La forza emotiva di un romanzo: «Quel che resta del giorno»

Come già oramai sappiamo tutti, questo autore nativo di Nagasaki ma adottato fin da bambino dall’Inghilterra, è il nuovo Premio Nobel per la letteratura grazie alla forza emotiva che impregna ogni sua opera, e Quel che resta del giorno ne è una dimostrazione.

Il protagonista della storia, voce narrante, è il maggiordomo inglese Stevens: il lavoro ha forgiato il suo carattere, o forse il suo carattere è stato forgiato dal lavoro, ma in qualunque caso lui ne ha un concetto moralmente alto, e lo ha sempre compiuto con grande professionalità, tanto da apparire maniacale.

I sentimenti mai rivelati

Stevens è un gentiluomo, la cui perfezione include sacrificio, pazienza, calma, fermezza, a discapito di naturali emozioni o sentimenti. Un maggiordomo, un vero maggiordomo inglese, non concede spazio a null’altro che non sia disciplina e dedizione al lavoro, e se un’attrazione fa capolino nelle sue giornate al servizio di chi ciecamente di lui si fida, lui non si espone e la ingabbia, rischiando di apparire gelido.

Gelido, Mr Stevens, non lo è affatto, e lo comprendiamo grazie alle sue riflessioni in quello che è una sorta di diario di viaggio: il maggiordomo, dopo una vita di lavoro, si concede il suo primo vero spazio partendo in automobile verso la Cornovaglia.

Un viaggio verso la propria essenza

Era una sensazione davvero piacevole quella che si provava a starsene lì, in piedi, circondati dai suoni dell’estate, con una lieve brezza sul viso. E io credo che fu proprio allora, osservando quel panorama, che cominciai per la prima volta ad assumere una predisposizione di spirito adeguata al viaggio che si profilava davanti a me.

Sei giorni, sei soste o tappe, una meta: rincontrare l’ex governante di Darlington Hall, Miss Kenton. Lavorare fianco a fianco con lei, che cosa ha rappresentato per l’irreprensibile Stevens?

La nostalgia, compagna di viaggio

Egli stesso, in un viaggio che è scoperta interiore, ce lo racconta percorrendo chilometri e chilometri di passato, mentre il presente appare fuori dal finestrino dell’auto e nell’impeccabile e austera figura dell’uomo, che pur ripercorrendo con nostalgia il proprio vissuto, resta comunque un uomo che spera sempre di aver tratto il meglio dalle sue giornate.

E lo spera all’imbrunire, in quel che resta del giorno, quando si tirano le somme e si va a dormire con un senso di soddisfazione per l’aver compiuto al meglio il proprio lavoro/missione.

Intensità mitigate forse troppo?

Nella trasposizione cinematografica del romanzo, il maggiordomo è interpretato dal grande Anthony Hopkins, e riteniamo che non poteva esserci scelta migliore; la signora Kenton invece, ha il volto dell’altrettanto perfetta Emma Thompson e ci sentiamo di consigliarvi anche il film. Ma tornando al nostro libro, possiamo aggiungere che, sebbene la storia sia impregnata di vita non vissuta fino in fondo, e di amarezza malcelata ma contenuta, Ishiguro la racconta con stile pacato, lento, mitigando stati d’animo che avremmo voluto avvertire con maggiore intensità. Tuttavia, l’autore resta fedele a se stesso ma anche al protagonista, la cui personalità non permette esuberanze caratteriali.

Una musica che accompagna i ricordi

Quel che resta del giorno è un romanzo rilassante, un viaggio interiore, una lettura che avvolge e regala una strana serenità malinconica, un pizzico di desolazione, quasi fosse una musica che riporta a galla tutto ciò che siamo stati e che – in quel che resta del giorno – ci insinua il dubbio che qualcosa possa ancora cambiare, che lo dobbiamo a noi stessi.




Susanna Trossero

 

Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)