Un articolo a caso


La «Revolution Saga», di Simon Scarrow

 
Simon Scarrow, Revolution saga
Simon Scarrow, Revolution saga
Simon Scarrow, Revolution saga

 
Scheda del libro
 

Autore: Simon Scarrow (traduzione di: F. Noto, E. Boccianti; R. Prencipe, R. Lanzi; L. Rodinò, F. Noto)
 
Titolo: Revolution Saga: La battaglia dei due regni; Il generale; A ferro e fuoco
 
Casa editrice: Newton Compton
 
Anno: 2017
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
5/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


La saga è avvincente, capace di caratterizzare ogni singolo personaggio, di rievocare aneddoti storici e contemporaneamente di descrivere luoghi e usanze, senza mai appesantire il romanzo, ma riuscendo a calare le vicende di due generali grandiosi e rivali in un contesto più narrativo, e portando il lettore ad amare questi personaggi.


In sintesi

Con la sua «Revolution Saga» Simon Scarrow ci racconta, con grande maestria, le gesta di Napoleone e del Duca Arthur Wellington.

0
pubblicatomartedì, 29 agosto 2017 da

 
La nostra recensione
 
 
Simon Scarrow, Revolution saga

Tre titoli della «Revolution saga» di Simon Scarrow

Il romanzo storico è da sempre considerato con sospetto, forse perché la storia spiegata a scuola a volte annoia. Eppure ci sono eroi e grandi personaggi storici che vantano imprese da far impallidire anche il più grande romanziere. Il primo romanzo storico che solitamente viene in mente è Guerra e pace, ma la letteratura ci presenta tantissime opere capaci di far rivivere epoche lontane, e la Revolution Saga di Simon Scarrow si aggiudica, a mio avviso, un posto d’onore nella categoria.

Revolution Saga

Scritta molto bene, avvincente, capace di caratterizzare ogni singolo personaggio, di rievocare aneddoti storici e contemporaneamente di descrivere luoghi e usanze, senza mai appesantire il romanzo, ma riuscendo a calare le vicende di due generali grandiosi e rivali in un contesto più narrativo, e portando il lettore ad amare questi personaggi.

I due generali sono Napoleone Bonaparte e il Duca Arthur Wellington, due grandissimi che hanno cambiato la storia e anche la geografia. La saga affronta la loro vita dalla nascita in La battaglia dei due regni, alla carriera militare in Il generale, fino all’incoronazione di Napoleone e l’inizio del suo inevitabile arresto, A ferro e fuoco e il gran finale L’ultimo campo di battaglia (questo quarto romanzo deve ancora uscire), dove la famosa battaglia di Waterloo ha definitivamente messo la parola fine al regno incontrastato di Napoleone.

Lo stile di Simon Scarrow

Simon Scarrow ha il grande merito di riuscire a rendere la storia, quella storia che abbiamo studiato a scuola, un palcoscenico vivo. Ogni descrizione, dialogo, rappresentazione si focalizza nella mente del lettore che riesce così a collocare fatti storici, risaputi e studiati, in un contesto molto più stimolante e narrativo.

I personaggi

Così Napoleone è sì lo stratega incredibile e guerrafondaio spietato come ci hanno insegnato, ma diventa anche un corso feroce, un uomo passionale e intelligente, una personalità molto complessa capace di farsi amare per coraggio e intelletto. Lo seguiamo, grazie a Simon Scarrow, dalla sua nascita fino all’incoronazione e oltre, partecipiamo ai suoi guizzi di genialità e assistiamo al suo declino quando la sua incapacità di delegare e di accettare l’errore lo portano inevitabilmente verso il baratro finale.

A lui si contrappone il duca di Wellington, nobile disprezzato dalla madre, sempre alla ricerca di un consenso tanto da affrontare la sua formazione militare in India dove risiederà per oltre dieci anni. Personalità molto differente da quella di Napoleone, contorta e geniale a sua volta, ma molto più logica, razionale, acuta. Uomo d’onore, tanto da sposare la donna che amava, e a cui si era dichiarato, con un decennio di ritardo senza valutare se l’amore fosse ancora presente: una questione d’onore.

Sempre per onore il duca di Wellington sa che deve sconfiggere Napoleone, simbolo della rivoluzione e della meritocrazia, nemico della sana nobiltà: suo il compito, sua l’impresa, suo l’ingegno.

I romanzi della Revolution saga

I tre romanzi – la saga ne prevede quattro e siamo in attesa del gran finale – stupiscono per capacità narrative e descrittive: non è facile suscitare curiosità quando si racconta una storia già appresa, studiata e conosciuta. Non c’è un finale a sorpresa, non ci sono colpi di scena, eppure personalmente sono in attesa dell’ultimo capitolo, per cogliere le ultime sfumature che solo un bravo autore sa donare.

Un ultimo accenno: le battaglie. Simon Scarrow le descrive in maniera ammirevole, dettagliate eppure mai noiose, ricche di aneddoti e curiosità, capaci di dare la visione globale e anche di sentire il lamento del singolo soldato o la paura del suo generale.

Da leggere, senza dubbio.




Anna Fogarolo

 

Fotogiornalista per le maggiori testate italiane come Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Gente, Oggi, Focus… Dal 2009 sposta la sua attenzione sulle nuove tecnologie iniziando la carriera di Web content e blogger per alcuni noti portali e Network, successivamente si specializza come Social Media Manager. Attualmente: consulenza di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR per le Edizioni Centro Studi Erikson.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)