Un articolo a caso


Segnali di fumo di Andrea Camilleri, riflessioni da assaporare

 

 
Scheda del libro
 

Autore: Andrea Camilleri
 
Titolo: Segnali di fumo
 
Casa editrice: Utet
 
Anno: 2014
 
ISBN: 978-88-511-2249-2
 
Pagine: 160
 
Formato: Cartaceo; eBook
 
Genere: , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
6 Voti totali

 

Aspetti positivi


Impossibile non sorridere: Camilleri riesce a sintetizzare stati d'animo e emozioni, traducendo in poche parole pensieri sottili, raffinati, che meritano di venire letti e riletti. Pensieri capaci di far riflettere il lettore. Un pregio notevole.


In sintesi

In Segnali di fumo ritroviamo Andrea Camilleri scrittore e pensatore, un anziano uomo che non ha intenzione di rimanere in silenzio in un angolo.

0
pubblicatolunedì, 23 giugno 2014 da

 
La nostra recensione
 
 

Andrea Camilleri, Segnali di fumoDurante la lettura di Segnali di fumo, centoquarantadue pensieri di Andrea Camilleri (Utet), mi sono immaginata una scena un po’ pazza: lui anziano – non me ne voglia ma a ottantotto anni ritengo sia doveroso considerare una persona anziana – comodamente seduto su un’avvolgente e consumata poltrona, e io – non più ragazzina, ora mamma, ma certo un bambina ai suoi occhi – doverosamente in posizione di ascolto, schiena dritta occhi spalancati, assorbita totalmente dalle sue parole, dalla sua voce roca, consapevole dell’onore.

Sconsiglio la lettura di Segnali di fumo a coloro che amano leggere un libro dall’inizio alla fine, secondo leggi temporali e ragionevoli richieste: questo libro va sfogliato, assaltato, affrontato con casualità e possibilmente durante uno stato d’animo positivo.

Se siete arrabbiati lasciate perdere; se siete di fretta andate oltre, avrete più tempo poi. Segnali di fumo è da assaporare, parola dopo parola. A volte saggio, altre irriverente, malinconico, nostalgico, giovane e vecchio.

«Che cosa si prova a essere bisnonno?» mi domandano. «La stessa cosa di quando diventai nonno» rispondo. Ma invece non è così e se non mi va di dare la risposta vera, «provo una profonda malinconia», è perché temo possa essere equivocata. Ho quattro nipoti, tre femmine e un maschio, la più grande, quella che mi ha fatto bisnonno, ha trentadue anni, la più giovane ne ha sedici. Da piccoli, ho trascorso con loro interi pomeriggi giocando o rispondendo ai loro perché, mi sono interessato ai loro studi, ho ragionato con loro quando sono cresciuti. Invece so che con questa creatura, data la mia età avanzata, non farò a tempo nemmeno a comunicare nei modi più elementari.
Ci saremo solo sfiorati.

Andrea Camilleri è uno scrittore acuto, i suoi romanzi mi colpiscono da sempre per ironia e capacità di osservare il genere umano quasi con distacco, come se, tutto sommato, non desideri farne parte, ma si ritrova obbligato dalle circostanze. In queste pagine ritroviamo il Camilleri scrittore e pensatore, un anziano uomo che non ha intenzione di rimanere in silenzio in un angolo: anzi, il libro sembra dedicato a chi non lo ha compreso fino in fondo, a coloro che non hanno saputo leggere fra le righe. Sembra un proclama: non avete compreso? Ebbene ora ve lo spiego io, chi sono.

Siccome è stata promossa una campagna televisiva contro la vivisezione, una venticinquenne, colpita da quattro gravi malattie genetiche, fa notare, in rete, che lei è sopravvissuta proprio in virtù di questo tipo di ricerca. Viene subissata da centinaia e centinaia d’insulti, da frasi come: sarebbe stato meglio se fossi morta tu al posto loro. È questo che mi spaventa della rete. Entrare in essa troppo spesso assomiglia ad aprire la botola di una sentina. Ne viene fuori un tanfo insopportabile di faziosità, di livore, di rancore, di partito preso, d’ipocrisia. La ragione non mi pare che abiti in rete. E mi chiedo quanti tra coloro che hanno inveito contro quella ragazza non abbandonino d’estate sulle strade i loro animali domestici.




Anna Fogarolo

 

Fotogiornalista per le maggiori testate italiane come Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Gente, Oggi, Focus… Dal 2009 sposta la sua attenzione sulle nuove tecnologie iniziando la carriera di Web content e blogger per alcuni noti portali e Network, successivamente si specializza come Social Media Manager. Attualmente: consulenza di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR per le Edizioni Centro Studi Erikson.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)