Un articolo a caso


Sei la mia vita, di Ferzan Ozpetek

 
Ferzan Ozpetek, Sei la mia vita
Ferzan Ozpetek, Sei la mia vita
Ferzan Ozpetek, Sei la mia vita

 
Scheda del libro
 

Autore: Ferzan Ozpetek
 
Titolo: Sei la mia vita
 
Casa editrice: Mondadori
 
Anno: 2015
 
ISBN: 9788804653011
 
Pagine: 228
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
22 Voti totali

 

Aspetti positivi


Una narrazione coinvolgente che fa apprezzare le diverse sfaccettature dell'amore

Aspetti negativi


Si insiste un po' troppo su quanto siano “negativi” oggi i cellulari e i tablet e quanto fosse “positiva” prima la comunicazione: è vero, ma è anche vero che gli strumenti in sé non sono colpevoli


In sintesi

Con Sei la mia vita Ferzan Ozpetek è al suo secondo libro (il primo è stato Rosso Istanbul) e ci porta per mano nel suo mondo fatto di sentimenti e personaggi particolari.

0
pubblicatomercoledì, 13 maggio 2015 da

 
La nostra recensione
 
 

Ferzan Ozpetek, Sei la mia vitaFerzan Ozpetek con Sei la mia vita è al suo secondo romanzo (il primo è stato Rosso Istanbul) e racconta una struggente storia d’amore fatta di ricordi e narrazioni. La cornice è quella di un viaggio in macchina che Ozpetek regista compie con il suo compagno: l’occasione del viaggio permette alla voce narrante di raccontare al suo compagno – di viaggio e vita – alcuni episodi del proprio passato. Quasi un voler narrare alla persona che ama come fosse la sua vita prima del loro incontro: ma c’è molto di più, che si scoprirà solo leggendo tutto il romanzo, un di più che si innesta in una situazione drammatica. Il viaggio esterno è solo uno dei tanti che si compiono in questo romanzo: c’è il viaggio nei ricordi, nella propria vita, nell’Italia che cambia (splendide le descrizioni di Roma), del mutare della società e così via.

Sei la mia vita è una sorta di autobiografia romanzata di Ferzan Ozpetek e in essa ci troviamo i suoi celebri film, o meglio vari episodi che poi sono diventati famosi con i film (la terrazza de Le fate ignoranti, l’anziano smemorato de La finestra di fronte, i due fratelli gay di Mine vaganti, l’abbraccio della morte di Saturno contro e via dicendo), ma anche spiegazioni di come sono nati i film (Il bagno turco, per esempio) alcune curiosità sugli attori delle sue pellicole (il trucco di Lucia Bosè, gli incontri con Anna Proclemer). Molti personaggi (che “non sono solo frutto della mia fantasia” dice l’autore in una nota finale) che Ozpetek rende vivi ai nostri occhi (confessa egli stesso la,sua passione nel creare personaggi per poter raccontare un intero universo), ma uno soprattutto è speciale: l’amore, inteso sia come sentimento eccelso che come persona amata, che è il motivo principale del racconto.

Forse qualcuno penserà che sono semplicemente impazzito. Ma la verità è un’altra. La verità è che non esiste amore senza follia. E che soltanto chi ama follemente può sapere che cosa significa voler bene davvero a qualcuno. Io lo so.

Un romanzo che tocca le profonde corde dell’animo umano e la cui lettura, una volta iniziata, non potrà essere facilmente interrotta.




Roberto Russo

 

Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)