Un articolo a caso


Il silenzio e l’ascolto, di Franco Battiato

 

 
Scheda del libro
 

Autore: Franco Battiato (a cura di Giuseppe Pollicelli)
 
Titolo: Il silenzio e l’ascolto. Conversazioni con Panikkar, Jodorowsky, Mandel e Rocchi
 
Casa editrice: Castelvecchi
 
Anno: 2014
 
ISBN: 9788868264123
 
Pagine: 60
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
8 Voti totali

 

Aspetti positivi


La scorrevolezza dell'opera e la varietà di argomenti affrontati nelle conversazioni.

Aspetti negativi


L'eccessiva brevità e frammentazione del libro, che possono lasciare il lettore con un vago senso d'insoddisfazione.


In sintesi

La lezione di un grande maestro, Franco Battiato. Recensione di “Il silenzio e l’ascolto. Conversazioni con Panikkar, Jodorowsky, Mandel e Rocchi”.

0
pubblicatomercoledì, 26 agosto 2015 da

 
La nostra recensione
 
 

Franco Battiato, Il silenzio e l'ascoltoIl silenzio e l’ascolto è un libro, anzi un libello, come si sarebbe detto un tempo, breve eppure denso di significato, questa raccolta di conversazioni intercorse qualche anno fa tra il gran cerimoniere Franco Battiato e i suoi illuminati interlocutori.

Il celebre artista siciliano – musicista tra i più amati non solo nel nostro paese, regista e pittore – disquisisce amabilmente ma con grande coinvolgimento intellettuale con il sacerdote e teologo cattolico Raimon Panikkar, con l’artista cileno Alejandro Jodorowsky, con il maestro sufi Gabriele Mandel e con l’amico musicista Claudio Rocchi.

Il silenzio e l’ascolto è in realtà della trascrizione realizzata da Giuseppe Pollicelli di una manciata di interviste effettuate da Battiato una decina d’anni fa nell’ambito del programma televisivo Bitte, Keine Réclame (Per cortesia, niente pubblicità) trasmesso all’epoca dal canale satellitare Rai Doc e oggi “ovviamente” caduto nell’oblio.

L’operazione editoriale in sé si presenta interessante e, perché no, valida: il nome di Battiato costituisce sicuro richiamo per i tanti estimatori dell’eclettico artista e le sia pur poche pagine – appena sessanta – riescono comunque a offrire uno spaccato del mondo interiore e della visione della vita di Franco Battiato. Tuttavia non possiamo non rimarcare una certa eccessiva frammentarietà e brevità dell’opera, composta com’è da quattro interviste, spesso molto diverse tra loro per qualità, estensione e impostazione.

In tal senso risultano particolarmente riuscite quelle di Panikkar e Mandel quanto a ricchezza di argomenti; meno centrata e forse fin troppo colloquiale la conversazione con Jodorowsky, al contrario dell’ultima, con il compianto musicista Claudio Rocchi, che testimonia bene la grande sintonia e l’amicizia intercorrenti tra intervistatore e intervistato.

Ciò che traspare senz’altro da queste chiacchierate contenute ne Il silenzio e l’ascolto è il “Battiato pensiero” della maturità: l’afflato mistico, la sua visione filosofica dell’esistenza, la tensione verso le forme più alte di trascendenza, nonché l’apprezzabile – e diciamolo pure, rara – modestia con la quale l’artista si pone nei confronti della vita, o come in questo caso, degli interlocutori e naturalmente del suo pubblico.




Luigi Milani

 

Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma.

Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)