Un articolo a caso


Storie ribelli, di Luis Sepúlveda

 
Luis Sepúlveda, Storie ribelli
Luis Sepúlveda, Storie ribelli
Luis Sepúlveda, Storie ribelli

 
Scheda del libro
 

Autore: Luis Sepúlveda (a cura di Ranieri Polese; traduzione di Ilide Carmignani)
 
Titolo: Storie ribelli
 
Casa editrice: Guanda
 
Anno: 2017
 
ISBN: 9788823519664
 
Pagine: 304
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


La sobrietà intensa e partecipata con cui Luis Sepúlveda racconta questo lungo e straziato grido di libertà.


In sintesi

«Storie ribelli» è un libro di Luis Sepúlveda (pubblicato da Guanda) che si muove tra racconti, spaccati di una realtà dolorosa e cronache.

0
pubblicatomercoledì, 4 ottobre 2017 da

 
La nostra recensione
 
 
Luis Sepúlveda, Storie ribelli

Luis Sepúlveda, Storie ribelli

Ogni nuovo libro di Luis Sepúlveda è ormai un evento. Amatissimo in Italia, lo scrittore sudamericano, che da poco ha riavuto finalmente la cittadinanza cilena, ci ha regalato nel corso della sua lunga carriera letteraria opere indimenticabili, a partire da quel suo primo romanzo Il vecchio che leggeva romanzi d’amore per arrivare a spediti passi a Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, uno dei suoi libri indubbiamente di maggior successo. Un successo del resto destinato a continuare, grazie alla sua ultima opera Storie ribelli, pubblicata qui in Italia da Guanda solo qualche settimana fa.

Storie ribelli

Questa volta ci troviamo di fronte a un’opera che si muove tra racconti, spaccati di una realtà dolorosa che ha lasciato ferite aperte (mai i conti potranno veramente tornare) e cronache pronte ancora una volta a mettere a nudo vicende umane ed eventi politici che hanno tragicamente modificato il destino di un intero popolo e di conseguenza di milioni di individui a cui venne brutalmente negata la libertà e, a volte, come ci testimonia del resto l’opera stessa di Sepúlveda, la vita.

Storie ribelli inizia con 11 settembre: e “Johny” prese il fucile, dedicato ad Oscar Lagos Rios, giovanissimo membro della scorta del presidente Salvador Allende (di cui vennero poi ritrovate le ossa in una fossa comune) e si conclude con Senza pena né gloria, dove lo scrittore si confronta con la scomparsa dell’odiato dittatore Pinochet. Tra l’inizio e la fine di Storie ribelli si dipana tutta una trama fitta di incontri, pensieri e soprattutto amicizie con altri grandi scrittori e poeti, da Saramago a Pablo Neruda.

Un libro intenso, dolentemente vivo, dove si parla di libertà, di lotta senza quartiere per un mondo più giusto, pronto a mettere caparbiamente in primo piano quello spirito umano – intrepido ed indomabile – che mai depone le armi contro la tirannide. Le tenebre. Il sopruso.




Giorgio Podestà

 
Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon).








Potrebbe interessarti anche…

0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)