Un articolo a caso


Via Crucis, di Gianluigi Nuzzi

 
Gianluigi Nuzzi, Via Crucis
Gianluigi Nuzzi, Via Crucis
Gianluigi Nuzzi, Via Crucis

 
Scheda del libro
 

Autore: Gianluigi Nuzzi
 
Titolo: Via Crucis
 
Casa editrice: Chiarelettere
 
Anno: 2015
 
ISBN: 9788861904958
 
Pagine: 321
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: , , , , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4.5/5


Voto degli utenti
19 Voti totali

 

Aspetti positivi


La nutrita base documentale su cui si innerva il testo

Aspetti negativi


Qualche sbavatura qua e là si sarebbe potuta evitare (per esempio chiamare “Eminenza” chi cardinale non è)


In sintesi

Via Crucis è un libro inchiesta di Gianluigi Nuzzi che, attraverso registrazioni e documenti inediti, si muove tra economia vaticana e corruzione

2
pubblicatolunedì, 9 novembre 2015 da

 
La nostra recensione
 
 

Gianluigi Nuzzi, Via CrucisUn ennesimo caso giornalistico che non segnerà certamente la millenaria storia della chiesa cattolica, ma che è destinato a influenzare non poco la percezione dell’opinione pubblica nei confronti della struttura ecclesiale. Gianluigi Nuzzi nel suo libro Via Crucis non formula un semplicistico atto d’accusa, fa di più: rompe un tabù, sentito tale almeno in Italia, quello di portare alla luce il frastagliato mondo degli affari collegato al Vaticano e caratterizzato da malaffare, inerzia e superficialità nel gestire e dissipare ingenti risorse.

Come dichiarato dallo stesso Nuzzi, proprio dalle parole di papa Francesco sulla necessità di trasparenza nasce l’idea di realizzare il libro Via Crucis. Il papa invoca costantemente trasparenza e lo fa in modo esplicito e questo sicuramente crea delle resistenze, anche forti, ma permette anche la nascita di alleanze trasversali a favore del pontefice. Certo è che una parte della burocrazia vaticana è stata scompaginata dal flusso inarrestabile di informazioni che getta una luce vivida che non può essere modulata su ambienti abituati alla formalità dei comunicati stampa, delle voci ufficiali, dei bilanci finti.

Il libro Via Crucis non contiene solo documenti inediti, ma si sofferma sulla rappresentazione di come la Curia si preoccupi della gestione degli ingenti capitali che convergono in Vaticano e del riciclaggio di denaro, non dimentichiamo che lo IOR ha riciclato capitali tra i più sporchi dell’intero XX secolo.

Collegandosi ai recentissimi fatti di cronaca Nuzzi fa presente di quanto sia diffusa quella che potremmo a ragione definire un’affittopoli vaticana in cui si spreca un patrimonio edilizio immenso, addirittura non catalogato, affittando al di fuori delle regole del mercato appartamenti enormi a prelati e accoliti, amici e semplici conoscenti. Ricorrono episodi grotteschi che inducono al sorriso, amaro, come la vicenda di un alto prelato che “rosicchia” gli ambienti dell’appartamento attiguo quando il legittimo occupante si trova in ospedale, per poter beneficiare di spazio aggiuntivo.

In tutto questo quadro a tinte fosche emerge, però, la speranza di un cambiamento imperniato sulla figura del pontefice nel quale l’autore mostra di riporre molte speranze. Va ricordato che Gianluigi Nuzzi non perde l’occasione per ribadire il proprio essere cristiano e di vivere, dunque, in prima persona e con molta partecipazione l’evoluzione di questo sorprendente pontificato.

Altro aspetto che emerge dal libro Via Crucis e che non bisognerebbe perdere mai d’occhio è la distinzione che viene fatta fra la struttura della chiesa o meglio del Vaticano e la sua missione. Lo scandalo che si delinea riguarda casi di corruzione e mala gestione di uno stato estero vittima di una nomenclatura curiale riottosa a ogni cambiamento.




Natale Fioretto

 
Natale Fioretto è docente di lingua italiana e di traduzione dal russo presso l’Università per Stranieri di Perugia. Si occupa da anni di metodologia dell’insegnamento della lingua italiana come L2. È appassionato di Valdo di Lione e Francesco d’Assisi.








Potrebbe interessarti anche…

  1.  
    Titta

    Buongiorno, mi interesserebbe leggere il libro ma non vorrei fosse carico di tecnicismi che non tutti conoscono.





Di' la tua!


(richiesto)