Un articolo a caso


Via Ripetta 155, di Clara Sereni

 
Clara Sereni, Via Ripetta 155
Clara Sereni, Via Ripetta 155
Clara Sereni, Via Ripetta 155

 
Scheda del libro
 

Autore: Clara Sereni
 
Titolo: Via Ripetta 155
 
Casa editrice: Giunti
 
Anno: 2015
 
ISBN: 9788809993358
 
Pagine: 208
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
3/5


Voto degli utenti
3 Voti totali

 

Aspetti positivi


La narrazione è ricca di dettagli storici e sociologici, interessanti soprattutto per i più giovani che non hanno vissuto quell’epoca.

Aspetti negativi


Un po’ troppo didascalico, manca di approfondimento in certi aspetti che potrebbero coinvolgere e appassionare il lettore.


In sintesi

L’autrice racconta la sua vita da l’68 al ’77. Gli anni dell’impegno, dell’utopia, della creatività, dell’amore libero vissuti in un piccolo appartamento fatiscente nel centro di Roma dove si era stabilita per sfuggire a una famiglia ingombrante.

0
pubblicatolunedì, 1 giugno 2015 da

 
La nostra recensione
 
 

Clara Sereni, Via Ripetta 155Dieci anni di rivoluzione nel costume italiano, di frattura fra le vecchie e le nuove generazioni, di libertà, di utopia, di impegno politico, di speranza nel futuro. Dal 1968 al 1977 in Italia sono successe tante cose e Clara Sereni con la sua autobiografia Via Ripetta 155, candidata al Premio Strega 2015, riesce a raccontarle tutte con dovizia di particolari. Il titolo del romanzo è l’indirizzo della casa di Roma, in una zona centralissima, fra Piazza Navona, Piazza del Popolo e il Pantheon, dove la giovane e ribelle Sereni andò a vivere da sola a ventidue anni. Posizione strategica ad affitto contenuto perché il piccolo appartamento cadeva a pezzi. Ma l’autrice era in cerca della propria indipendenza, voleva emanciparsi dal padre, importante dirigente del PCI, e non aveva paura ad affrontare una vita, come si diceva a quei tempi, fricchettona. “Me ne tornavo a casa a ore impossibili, senza paura che non fosse per qualche frase pesante o al massimo una pacca sul sedere: a parte un po’ di hashish che non ha mai prodotto guai particolari, la droga non c’era ancora né la violenza che ne è derivata”.

Con sincerità, come in un diario, Clara Sereni ricorda tutte le emozioni di quegli anni turbolenti: l’impegno politico e sociale, l’amore che poteva essere trasgressivo, i problemi economici, le illusioni e le speranze di cambiare il mondo. Parla dell’esperienza da cantante al Folkstudio di Roma, di come riusciva a sbarcare il lunario facendo la dattilografa, la traduttrice e l’interprete, dei suoi primi tentativi di scrittura. Ma anche di un giudice della Corte d’Appello un po’ maniaco che purtroppo era il suo vicino di casa, di uno scaldabagno che non voleva mai funzionare, delle cene povere a base di pane, spaghetti, vino rosso e qualche canna.

La scrittura del romanzo è leggera, ironica, realistica nel bene e nel male. Interessante lettura per chi quegli anni, lontanissimi dalla nostra realtà, non li ha mai vissuti e ne ha solo sentito parlare.

Nelle pagine di Via Ripetta 155 c’è entusiasmo delle conquiste sociali, come quando fu approvata la legge sul divorzio, ma anche il dolore di quando la condivisione degli ideali comincia a scricchiolare a metà degli anni’70. Nelle piazze inizia la violenza, in tutto il Paese si piangono i primi morti. Uno slogan di allora era: “Il personale è politico” e la Sereni viveva alla lettera questo concetto, ma proprio nell’ultimo capitolo del libro, quello dedicato al ’77, si intuisce che l’atmosfera purtroppo sta cambiando.

L’aria, alle manifestazioni, era sempre più irrespirabile per i lacrimogeni, e per i dubbi. Gli autonomi prendevano la testa nei cortei e lo facevano coprendosi la faccia, con un connotato di violenza fino allora sconosciuto.




Patrizia Violi

 

Patrizia Violi è laureata in giurisprudenza, vive a Milano dove fa la giornalista, occupandosi di attualità, psicologia e costume. È sposata e ha due figlie: dalla sua esperienza famigliare è nato il blog extramamma.net. Ha scritto il romanzo “Una mamma da URL” (Baldini & Castoldi). Per Emma Books ha pubblicato “Love.com” e “Affari d’amore”.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)