Un articolo a caso


Loud Hailer, il ruggito di Jeff Beck, leone indomito del Rock

 

 
Scheda
 

Autore: Jeff Beck
 
Titolo: Loud Hailer
 
Etichetta: Rhino/Warner
 
Anno: 2016
 
Genere: , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


È sempre un grande piacere ascoltare la chitarra di Jeff Beck

Aspetti negativi


Una certa, sia pur voluta, disomogeneità dell'album


In sintesi

Jeff Beck, vera e propria leggenda del rock, pubblica l’album «Loud Hailer», un disco decisamente spiazzante. La nostra recensione.

0
pubblicatomartedì, 20 settembre 2016 da

 
La nostra recensione
 
 
Jeff Beck, Loud Hailer

Jeff Beck, Loud Hailer

Di recente è stato pubblicato – a dire il vero un po’ in sordina – il nuovo album di una vera e propria leggenda del rock. Parliamo di Jeff Beck, inglese, uno dei più grandi chitarristi della storia del Rock, il cui stile, alla pari di altre star della chitarra quali Eric Clapton e David Gilmour, ha influenzato moltissimi altri artisti.

Settantaduenne, una gloriosa carriera discografica alle spalle da solista e negli Yardbirds, ha saputo rinnovarsi come pochi, pur senza grandi cedimenti al mero aspetto commerciale della sua produzione. Non a caso questo suo nuovo lavoro esce a sei anni di distanza dal precedente, Emotion & Commotion (2010), caratterizzato da un sorprendente approccio orchestrale e lirico.

Tutt’altra musica, è proprio il caso di dire, per Loud Hailer, a cominciare dal brano d’apertura, Revolution Will Be Televised: duro, sporco, grezzo ed estremamente attuale nei suoni.

Ma è l’intero disco a spiazzare, composto com’è da brani estremamente elettrici, caratterizzati da sonorità quasi esplosive, solo a tratti addolcito da parentesi più distese in chiave soul – blues, vedi la bellissima Shame, una ballata impreziosita dalla bella voce di Rosie Bones.

Se proprio volessimo evocare un altro nome – ma qualcuno lo definirebbe, forse non a torto, nume del rock – Beck in questo lavoro potrebbe essere accostato a Roger Waters, col quale infatti in passato ha collaborato. Simili le atmosfere musicali, cupe e violente, quasi apocalittiche, come pure i testi, all’insegna del j’accuse politico e sociale, a volte anche eccessivi in certi punti.

Certo, il disco potrà far storcere il naso ai puristi della vecchia guardia o ai fan più nostalgici del grande chitarrista. Eppure Loud Hailer è la fotografia fedele di ciò che è Jeff Beck oggi: un artista ancora al top, più che padrone dei suoi mezzi espressivi, coraggiosamente teso verso il futuro. È in quest’ottica che Beck si è fatto affiancare da due giovani artiste: oltre alla già citata cantante Rosie Bones, la chitarrista Carmen Vanderberg, entrambe militanti nei Bones.

Il risultato di questa collaborazione è un bizzarro mix di hard rock, elettronica e funky, il tutto per cercare di veicolare al meglio il messaggio di protesta (e caos) sotteso all’intero disco.

Difficile indicare i momenti migliori o meno riusciti dell’album, che pure non mancano: il nostro consiglio è di ascoltarlo nella sua interezza, abbandonandosi al flusso volutamente convulso e quasi irrazionale: a volte teso e sferzante, altre volte avvolgente e ipnotico.

Insomma, questi vecchi leoni del rock sembrano non avere nessuna intenzione di deporre le armi, anzi le chitarre, per continuare a trasmettere emozioni forti, come nel caso di J.B., appunto.

Concludiamo questa nostra recensione, anch’essa forse un poco caotica per restare fedeli allo spirito del disco, con una informazione pro domo nostra: il cd è prodotto dall’italiano Filippo Cimatti, e alla batteria e al basso possiamo ascoltare rispettivamente Davide Sollazzi e Giovanni Pallotti.

Tracklist di Loud Hailer

  1. The revolution will be televised
  2. Live in the dark
  3. Pull it
  4. Thugs club
  5. Scared for the children
  6. Right now
  7. Shame
  8. Edna
  9. The ballad of the Jersey wives
  10. O.I.L.
  11. Shrine



Luigi Milani

 
Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma.Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.








Potrebbe interessarti anche…

0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)