Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria

 
San Giuseppe
San Giuseppe
San Giuseppe

 
La scheda del santo del giorno
 

Nome: San Giuseppe
 
Data della ricorrenza: 19 marzo
 
Patronato: carpentieri, economi, lavoratori, moribondi, padri, procuratori legali
 
Iconografia: giglio
 
Grado della celebrazione: solennità
 

Preghiera


Dio onnipotente, che hai voluto affidare gli inizi della nostra redenzione alla custodia premurosa di san Giuseppe, per sua intercessione concedi alla tua Chiesa di cooperare fedelmente al compimento dell’opera di salvezza.


In sintesi

Il 19 marzo si celebra la solennità di san Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria e padre putativo di Gesù, modello per tutti i papà.

0
pubblicatosabato, 19 marzo 2016 da

 
Il santo del giorno
 
 
San Giuseppe

San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria

Il 19 marzo la chiesa celebra la solennità di San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria. In concomitanza con questa solennità cade anche la festa del papà.

La solennità di san Giuseppe

La solennità di san Giuseppe, il 19 marzo, ha profonde radici bibliche; Giuseppe è l’ultimo patriarca che riceve le comunicazioni del Signore attraverso l’umile via dei sogni, come leggiamo nel vangelo secondo Matteo (1, 20-24):

Gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: “Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati”.
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:

Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele,

che significa Dio con noi. Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Come l’antico Giuseppe, è l’uomo giusto e fedele (Mt 1, 19) che Dio ha posto a custode della sua casa. Egli collega Gesù, re messianico, alla discendenza di Davide (Mt 1, 1-16; Lc 3, 23-38). Sposo di Maria e padre putativo, guida la sacra Famiglia nella fuga e nel ritorno dall’Egitto, rifacendo il cammino dell’Esodo (Gn 37; 50, 22-26; Mt 2, 13-21).

Scrive il Martirologio Romano: «Solennità di san Giuseppe, sposo della beata Vergine Maria: uomo giusto, nato dalla stirpe di Davide, fece da padre al Figlio di Dio Gesù Cristo, che volle essere chiamato figlio di Giuseppe ed essergli sottomesso come un figlio al padre. La Chiesa con speciale onore lo venera come patrono, posto dal Signore a custodia della sua famiglia».

Ricordiamo che san Giuseppe è chiamato padre putativo, termine che deriva dal latino tardo putativus, che vuol dire «presunto, apparente» e, come riporta il vocabolario Treccani, indica: «che non è veramente ciò che il sostantivo cui è unito indica, ma è tenuto per tale, è considerato come tale».

Pio IX lo ha dichiarato patrono della Chiesa universale e Giovanni XXIII ha inserito il suo nome nel Canone romano.

Perché la festa del papà si celebra a san Giuseppe

La festa del papà nasce agli inizi del Novecento per affiancarsi a quella già esistente della mamma. In Italia – e nei paesi di tradizione cattolica – si è fatta coincidere la festa del papà con la solennità di san Giuseppe perché Giuseppe è il modello del padre per eccellenza, essendo stato egli padre di Gesù.

In altri paesi (negli USA, per esempio), la festa del papà si tiene la terza domenica di giugno, per motivi legati alla prima celebrazione di questa festa in quelle terre.

Alcune frasi su san Giuseppe

  • Giuseppe [nella nascita di Gesù] è presente per nascondere il mistero, per custodire gelosamente il segreto del Padre. (Marie-Dominique Philippe)
  • San Giuseppe è la più bella figura d’uomo concepibile e che il cristianesimo ha realizzato. […] San Giuseppe ha vissuto come tutti: non c’è una parola sua, non c’è niente, niente: più povera di così una figura non può essere. (Luigi Giussani)
  • San Giuseppe. È un gigante del silenzio e la sua grandezza incommensurabile è proprio questo silenzio. (Maurice Zundel)
  • Se Maria porta con sé una speciale forma di ubbidienza e Giuseppe la povertà, la castità risiede quindi nell’unione di entrambe, anche se ciascuno a suo modo già la possiede: la Madre con il suo aprirsi senza riserve a Dio e Giuseppe nella sua sottomissione ad ogni particolare disposizione che riguardi il matrimonio e sia in linea con le istruzioni di Dio. (Adrienne von Speyr)

Foto | Di Francisco Ignacio Ruiz de la Iglesia ([1]) [Public domain], attraverso Wikimedia Commons








Potrebbe interessarti anche…

Agiografo

 


0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)